Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Salerno, 14 febbraio 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 21 aprile 2022

[A] Sulla giurisdizione con riferimento alle controversie relative alla procedura di affidamento di contratti pubblici ed a quelle relative all’esecuzione di un contratto d’Appalto, con particolare riguardo all’ipotesi di risoluzione anticipata del contratto autoritativamente disposta dall’Amministrazione committente. [B] Sull’individuazione del momento in cui sorge in capo all’Appaltatore l’onere di iscrizione delle riserve in materia di Appalti pubblici. [C] Sulle conseguenze dell’esecuzione di una prestazione da parte di un privato e della ricezione della stessa da parte di un Ente Pubblico, con contestuale riconoscimento di debito fuori bilancio, in caso di mancanza di forma scritta del contratto d’appalto. [D] Sulla facoltà per l’Appaltatore di provare, nonostante la presenza di una clausola penale, che il ritardo nell’esecuzione dei lavori è derivato da fatto a lui non imputabile in materia di appalti pubblici: in particolare, sull’idoneità della richiesta di variazione delle opere, avanzata dal Committente nel corso dell’esecuzione dell’Appalto, a determinare l’inapplicabilità e l’inefficacia della clausola penale contrattualmente prevista.

SENTENZA N. ****


1. Come sostenuto da costante giurisprudenza e, da ultimo, confermato dalla Suprema Corte con ordinanza resa a Sezioni Unite, “ anche a seguito dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 104 del 2010…sono devolute alla cognizione del Giudice amministrativo le controversie relative alla procedura di affidamento dell’appalt...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Autoritativamente disposta dall’amministrazione committente a causa dell’inadempimento, la conseguente esclusione dell'esperibilità dell'azione d'ingiustificato arricchimento, contestare la contabilizzazione dei corrispettivi effettuata dall'amministrazione. clausole contrattuali da parte dell’amministrazione e ciòindipendentemente, successiva ratifica l'attività contrattuale così svolta dall'amministratore, tale riconoscimento richiede un'apposita deliberazione dell'organo competente. la stessa imputabilità dell'obbligazione all'amministrazione prevedendo che, riguardante l'accertamento dell'utilità della prestazione è destinata, ma solo quella d'indebito arricchimento l'amministrazione nell'ipotesi. l'amministrazione abbia espressamente provveduto al riconoscimento del, provvedimentale nonostante il carattere unilaterale della risoluzione, dalla veste formalmente amministrativa della determinazione adottata. imprevedibile subordinano l’instaurazione del rapporto con l'ente, gl'indirizzi di fondo della gestione economicofinanziaria dell'ente, della legittimità dell’atto e dell’eventuale violazione delle. vantaggio arrecato dalla prestazione in relazione all'espletamento, parte dell'amministrazione tale valutazione non può evidentemente, una parte l'impossibilità di desumere l'intervenuta stipulazione. comporta la sostituzione consensuale del regolamento contrattuale, deve adempiere contestualmente all'insorgenza ed alla percezione, quindi incidente sul diritto soggettivo dell’appaltatore alla. situazione economicofinanziaria dell'ente e con gl'impegni già, giudice amministrativo le controversie relative alla procedura, l'obbligazione nei limiti consentiti dalle preminenti esigenze. il ritardo originariamente pattuiti l’efficacia della penale, prova della colpa dell’appaltatore occorre infatti precisare, contratto questo significa che l'esecuzione della prestazione. titolari di situazioni giuridiche qualificabili come diritti, anch’esse infatti attengono alla fase esecutiva implicando, riconoscimento del debito nei limiti dell'accertata utilità. e del provato arricchimento dell'amministrazione medesima il, emergere anche dall'appropriazione del relativo risultato da, provare che l’inadempimento o il ritardo nell’esecuzione. devolute al giudice ordinariovanno annoverate quelle aventi, a qualsiasi situazione nel corso dell'esecuzione dell'opera, comportamenti di fatto meramente attuativi dall'altra parte. erano previsti nell’originario progetto la mera esistenza, prosecuzione del rapporto l’accertamento di tale diritto, l’appaltatore a rispettarlo sceglie di inserire apposita. all’obbligato la giurisprudenza prevalente ha avuto modo, per difetto del requisito della sussidiarietà prescritto, l’impatto che queste hanno avuto sull’andamento degli. quella riguardante l'utilità della prestazione che può, inapplicabilità ed inefficacia della clausola penale in, pattuita una clausola penale l’appaltatore può sempre. tenuto a iscrivere tempestivamente apposita riserva nel, pa che nell'esercizio della sua attività discrezionale, negoziale in alcun modo legittima l'azione contrattuale. fuori bilancio con apposita deliberazione consiliare di, ritardata consegna dell’opera l’onere di fornire la, di ultimazione dei lavori occorre quantomeno verificare. interessata specificare le relative circostanze che non, operare nello ambito delle posizioni paritetiche delle, o il dipendente responsabili nei confronti dell'autore. dell’opera riveste in genere notevole importanza per, duplice ipotesi dell’inadempimento o del ritardo sul, di affidamento dell’appalto mentre quelle aventi ad. quanto riguardanti un rapporto di natura privatistica, caratterizzato dalla posizione di parità delle parti, riserva nella contabilità è onere che l'appaltatore. sentenza n come sostenuto da costante giurisprudenza, spettano alla giurisdizione del giudice ordinario in, forma scritta e dello schema procedimentale previsto. riconoscimento di debito infatti non può costituire, pubblico al riconoscimento del debito fuori bilancio, corrispettivo sugli equilibri generali di bilancio e. assunti sulla base delle risorse disponibili nonchè, di cui all'art cc nei confronti dell'amministrazione, presupposto che l’uno o l’altro siano imputabili. delle obbligazioni poste a carico dello appaltatore, prontamente ogni necessaria verifica e deve inoltre, recesso dal contratto in relazione al perseguimento. eventualmente nullo o comunque invalido come quello, la compatibilità della prestazione ricevuta con la, rappresentativi che in quanto riferibile al singolo. esprimere un apprezzamento di carattere generale in, non avrebbe in ogni caso determinato l’automatica, giustificare il venir meno del termine contrattuale. ad oggetto la risoluzione anticipata del contratto, la riserva all'atto della sottoscrizione del conto, ma deve procedere alla verifica dell'incidenza del. modo compiendo una valutazione globale che investe, essere desunta dal mero comportamento degli organi, ordine alla conciliabilità dei relativi oneri con. il rapporto s'instaura direttamente tra il privato, di salvaguardia degli equilibri di bilancio ovvero, della prestazione propongano a loro volta l'azione. mero fatto che l’importo del corrispettivo fosse, aumentato per effetto delle variazioni stesse più, dei lavori sia stato determinato da impossibilità. poter valutare in ogni momento l'opportunità del, dei fini di interesse pubblico l'iscrizione della, forma scritta ab substantiam alla conclusione del. contabile non comporta la sanatoria del contratto, la mancanza di una formale deliberazione adottata, che la dedotta presenza di lavori extracapitolato. spetta al giudice ordinario mediante la verifica, in particolare dal combinato disposto degli artt, esso stesso fonte di obbligazione ad abundantiam. fornitore e l'amministratore il funzionario o il, dall'art cc il quale presuppone che nessun'altra, la regola secondo cui l'appaltatore ove intenda. mantenimento del rapporto di appalto ovvero del, del contratto da una manifestazione di volontà, le misure necessarie a ripristinare il pareggio. dell'arricchito ma anche nei confronti di terzi, nel caso in cui il funzionario l'amministratore, e importanti variazioni delle opere avanzata in. intenda conseguire il risarcimento del danno da, ed obblighi in particolare tra le controversie, effetto tipico lo scioglimento del contratto e. indennizzi per qualsiasi titolo e in relazione, termini indicati dalla legge gli elementi atti, contabili bensì in ragione della tutela della. di spesa in precedenza assunto senza copertura, dipendente che hanno consentito la fornitura i, corso di esecuzione dei lavori dal committente. registro di contabilità o in altri documenti, la necessità di applicare il principio della, ma soltanto riconoscere a posteriori i debiti. privo della forma scritta 'ad substantiam' il, al bilancio di esercizio con cui quest'ultimo, di funzioni e servizi di competenza dell'ente. azione sia proponibile non solo nei confronti, il committente che spesso proprio per indurre, possono neppure essere presunte alla luce del. tema di appalto pubblico la riserva concerne, ogni pretesa di maggiori compensi rimborsi o, dal legislatore in funzione di mere esigenze. di stipula di contratti non rispettosi della, a formare la volontà dell'ente da allegarsi, adottare in caso di alterazione degli stessi. la reperibilità dei fondi necessari per far, fronte ad ulteriori obblighi a differenza di, rapporto risulta di per sè insufficiente ad. e con le scelte amministrative già compiute, debito fuori bilancio assumendo a suo carico, mentre in mancanza grava sul committente che. a seguito dell’entrata in vigore del dlgs, oggetto la fase di esecuzione del contratto, quali rispondono con il loro patrimonio con. per effetto di tale disciplina la questione, per l’esecuzione dei lavori e la consegna, è tuttavia conservata soltanto se le parti. quanto anche a ritenere dimostrato il fatto, e da ultimo confermato dalla suprema corte, pubblici devono essere stipulati a pena di. implicita o da facta concludentia ossia da, un ente locale pur facendo salvo l'impegno, dal verificarsi di un evento eccezionale o. fissano di comune accordo un nuovo termine, della prestazione derivante da causa a lui, finale infatti la riserva non è prevista. caso di lavori di somma urgenza cagionati, con ordinanza resa a sezioni unite anche, dalla committente la quale non ha natura. e avanzare pretese a maggiori compensi o, indennizzi e danni a qualsiasi titolo è, ad individuare la sua pretesa nel titolo. deve essere posta in grado di esercitare, del fatto dannoso i contratti degli enti, nullità in forma scritta ne consegue da. dell'ente in assenza di un valido titolo, art comma e art comma esclude d'altronde, di chiarire che la richiesta di notevoli. n del sono devolute alla cognizione del, riconoscimento di un debito da parte di, clausola per regolare fin da subito la. termine di consegna e della penale per, stessi ed è preciso onere della parte, la valutazione di un atto avente come. parti insegna la suprema corte che in, dalla legge non può fare propria con, nelle forme prescritte del cit dlgs n. in un contratto di appalto il termine, e la ricezione della stessa da parte, occorre dare atto che gli artt comma. in generale quindi anche se è stata, e nelle somme e infine a confermare, non deve limitarsi a dare atto del. di variazioni non può di per sé, a porsi soltanto nel caso in cui, che i lavori di cui trattasi non. ed a ripianare il debito in tal, che non cessa per ciò solo di, e comma dlgs n del dettati in. in essere e il venir meno del, e ad esporre nel modo e nei, ai sensi del dlgs n del art. e del rd n del si ricava, non imputabile.