Embed RSS

Tribunale di Catania, gennaio 2017

[A] Sui limiti alla responsabilità della Stazione Appaltante nel caso di perizia di variante dovuta alla inadeguatezza del progetto esecutivo. [B] Sulle voci di danno risarcibili all’Appaltatore in caso di anomalo andamento dei lavori dovuto a responsabilità della Stazione Appaltante: in particolare per immobilizzo macchinari e personale. [C] Segue: spese generali. [D] Segue: ritardata percezione dell’utile e mancata formazione dell’utile. [E] Segue: vincolo delle fideiussioni

Corte d’Appello di Milano, gennaio 2017

[A] Sulla possibilità dell’appaltatore di sospendere i lavori nel caso di ritardato pagamento dei SAL già maturati e sulla disciplina applicabile. [B] Sulla disapplicazione del provvedimento di risoluzione adottato dalla Stazione Appaltante ex art. 136 d.lgs. n. 163/2006 e sulla possibilità di considerare comunque risolto il contratto per colpa della Stazione Appaltante

Corte d’Appello di Torino, gennaio 2017

Sui limiti alla possibilità del Giudice di liquidare in via equitativa ex art. 1226 cod. civ. il danno richiesto dall’Appaltatore

Tribunale di Bologna, gennaio 2017

[A] Sulla natura del contratto “a corpo” e sulla possibilità o meno di considerare errore materiale rettificabile la difformità tra prezzo globale e risultato della somma dei prezzi unitari. [B] Sulla fondatezza o meno delle riserve iscritte dall’appaltatore per maggiori oneri sostenuti in un appalto “a corpo”

Tribunale di Roma, gennaio 2017

Sulla legittimità o meno della sospensione lavori finalizzata alla presentazione di una perizia di variante

Tribunale di Salerno, febbraio 2017

Argomenti trattati: Varie

[A] Sulla competenza territoriale a decidere sulla controversia inerente il pagamento di somme da parte dello stato e degli altri Enti Pubblici. [B] Sugli effetti dell’eccezione di competenza svolta nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo

Tribunale di Milano, gennaio 2017

[A] Sulla carenza di legittimazione attiva dell’appaltatore per la riscossione dei corrispettivi dell’appalto nel caso di intervenuta cessione del credito regolarmente comunicata alla Stazione Appaltante. [B] Sulla possibilità del Giudice di imporre una fideiussione bancaria nel caso di condanna al pagamento a favore del cessionario del credito, laddove residui un DURC irregolare per l’appaltatore

Tribunale di Catania, gennaio 2017

[A] Sul riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo in materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche. [B] Sulle ipotesi in cui il ritardato pagamento da parte della Stazione Appaltante può configurare un danno risarcibile a favore dell’Impresa e sulla possibilità o meno che il ritardo da parte dell’ente finanziatore possa costituire una esimente per la PA obbligata al pagamento. [C] Sulla possibilità o meno che la sottoscrizione di atti di sottomissione a seguito di perizie di variante possa costituire rinuncia a pretese relative ad altre prestazioni dell’appalto e sulla necessità o meno di iscrivere tempestiva riserva nella contabilità dei lavori per ottenere il pagamento degli interessi da ritardato pagamento

Corte d’Appello di Genova, gennaio 2017

[A]. Sulla natura parziaria o solidale della responsabilità tra mandante e mandataria di un ATI rispetto ai danni lamentati dalla Stazione Appaltante per vizi dell’opera eseguita, in particolare in caso di fallimento della mandante dopo l’intervenuta risoluzione del contratto[B] Sulla possibilità o meno per la Stazione Appaltante di applicare la penale per intero solo alla mandataria in forza della responsabilità solidale tra partecipanti all’ATI

Corte d’Appello di Ancona, gennaio 2017

[A] Sui danni risarcibili all’appaltatore nel caso di anomalo andamento dei lavori dovuto a responsabilità della Stazione Appaltante e sulle modalità di calcolo di detti danni

Corte d’Appello di Roma, gennaio 2016

[A] Sulla facoltatività del ricorso all’arbitrato negli appalti pubblici, anche per i contratti sottoscritti prima dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 163 del 2006. [B] Sulla forza vincolante della lex specialis di gara sia per i partecipanti, sia per la Stazione Appaltante. [C] Sulla autonomia della clausola compromissoria rispetto al contratto d’appalto alla quale afferisce.

Lodo Arbitrale, maggio 2015

Argomenti trattati: Giustizia amministrativa Varie

[A] Sulla giurisdizione del Giudice Amministrativo o del Giudice Ordinario per la decisione delle controversie inerenti la revisione periodica dei corrispettivi nei contratti di fornitura e di servizi aventi ad oggetto prestazioni continuative. [B] Sulla possibilità di deferire in arbitri la controversia inerente la revisione periodica dei corrispettivi e sulla normativa introdotta dalla l. n. 205 del 2000

Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise, ottobre 2017

Argomenti trattati: Giustizia amministrativa Varie

[A] Sui limiti alla partecipazione alle gare di una impresa che abbia presentato istanza di concordato preventivo, ovvero sia stata ammessa al concordato preventivo. [B] Sulle valutazioni del ricorso principale e del ricorso incidentale in caso di due o più partecipanti

Lodo Arbitrale, febbraio 2015

[A] Sulle differenze tra revoca e annullamento di un provvedimento amministrativo ad efficacia durevole. [B] Sulla ripartizione delle competenze tra Giunta Comunale e Consiglio Comunale nella gestione di un rapporto di concessione e della decisione di procedere alla risoluzione in danno del contratto di concessione. [C] Sulla qualificazione della concessione di servizi e sulle caratteristiche in presenza delle quali si ha “concessione di servizi” e non “appalto di servizi”. [D] Sugli elementi distintivi tra “concessione di servizi” e “concessione di lavori”. [E] Sulla applicabilità o meno della disciplina esecutiva degli appalti pubblici alle concessioni, in particolare per quanto riguarda la consegna. [F] Sui criteri di valutazione dell’inadempimento del concessionario ai fini della valutazione della domanda di risoluzione per inadempimento a suo carico. [G] Sulla rilevanza o meno della tolleranza della Stazione Appaltante nei confronti del concessionario inadempiente ai fini della valutazione della domanda di risoluzione per inadempimento e sulla rilevanza o meno dell’omessa pubblicazione dei bilanci da parte della concessionaria. [H] Sui presupposti per l’accoglimento della domanda di risarcimento per danno all’immagine richiesta dalla Stazione Appaltante in ragione del grave inadempimento della concessionaria

Corte d’Appello di Roma, aprile 2017

[A] Sulla nullità del lodo arbitrale in caso di composizione del collegio non conforme a quanto previsto dal d.p.r. n. 1063/1962, laddove richiamato nella clausola compromissoria. [B] Sugli effetti prodotti dalla modifica della legge statale in materia di composizione del collegio arbitrale sulle leggi regionali contenenti una propria diversa disciplina

Corte d’Appello di Roma,18 ottobre 2016

[A] Sull’efficacia diretta o meno nell’ordinamento nazionale dei mutamenti normativi prodotti dalle sentenze della Corte di giustizia UE, in particolare in materia di limiti all’affidamento a trattativa privata. [B] Sulla responsabilità del funzionario nel caso di richiesta di prestazioni a terzi che non abbiano formale copertura di spesa e sulla possibilità o meno del terzo appaltatore di esperire l’azione di arricchimento senza causa a carico dell’Ente che ha beneficiato di tali prestazioni.

Lodo Arbitrale, maggio 2015

[A] Sulla funzione della Consulenza Tecnica d’Ufficio (CTU) nel giudizio in materia di esecuzione degli appalti pubblici e sui criteri di ammissibilità. [B] Sui limiti al potere delle parti sulla scelta dei quesiti da sottoporre al Consulente Tecnico. [C] Sui limiti alla ammissibilità della Consulenza Tecnica d’Ufficio nella valutazione dei fatti che hanno generato il ritardo nell’esecuzione dei lavori. [D] Sulla ammissibilità o meno della prova per testimoni atta a dimostrare la presenza e la consistenza numerica di manodopera impiegata dall’impresa appaltatrice nel cantiere. [E] Sul momento a partire dal quale sorge l’onere per l’Appaltatore di iscrivere formale riserva e sulla decorrenza di tale obbligo in caso di c.d. “fatti continuativi”. [F] Sulla sussistenza o meno di un onere a carico dell’Appaltatore di completare il progetto esecutivo. [G] Sulla derogabilità o meno, per comune volontà delle parti del contratto d’appalto, dell’obbligo del Committente di redigere un progetto immediatamente cantierabile. [H] Sui danni risarcibili all’Impresa in caso di anomalo andamento lavori: maggior onere della manodopera. [I] Segue: improduttivo o protratto vincolo delle attrezzature e dei mezzi d’opera. [L] Segue: aumento dei costi dei fattori impiegati nella produzione di una commessa. [M] Sulla fondatezza o meno della domanda di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate a titolo di risarcimento del danno da anomalo andamento lavori

Cassazione Civile, Sezione II, agosto 2017

Sulla responsabilità dell’appaltatore in caso di vizi imputabili ad errori di progettazione o direzione dei lavori

Corte dei Conti, sez. Giurisdizionale Lombardia, maggio 2017

[A] Sui compiti e sulle responsabilità del Direttore dei Lavori nella contabilizzazione degli stati di avanzamento lavori (SAL). [B] Sulle responsabilità del Direttore dei lavori in caso di errate o irregolari valutazioni e contabilizzazioni dei lavori effettuate dal D.L. in sede di emissione dei SAL derivi il pagamento di opere e materiali in misura superiore. [C] Sugli effetti prodotti sulla responsabilità contabile del Direttore Dei Lavori nel caso di recupero dell’importo del danno subito dall’amministrazione direttamente dall’appaltatore e sull’ipotesi di irrecuperabilità per fallimento dell’appaltatore. [D] Sulla possibilità di configurare una corresponsabilità del collaudatore e del Direttore dei Lavori per il danno subito dalla stazione appaltante a causa della errata contabilizzazione dei lavori. [E] Sulla possibilità di configurare una corresponsabilità del Responsabile del procedimento (RUP) per il danno subito dalla stazione appaltante a causa della errata contabilizzazione dei lavori

ANAC, Deliberazione giugno 2017

Sulla legittimità o meno dell’allungamento dei termini del procedimento di accordo bonario, scanditi dall’art. 240 del d.lgs. n. 163/2006, da parte della Stazione Appaltante al fine di assicurare il massimo deflazionamento del contenzioso

Avv. Francesco Barchielli
DIREZIONE SCIENTIFICA

Avv. Francesco Barchielli
Laureatosi all’Università degli Studi di Firenze nel 2002, dopo aver svolto la pratica forense e superato il relativo esame di abilitazione, l’Avv. Francesco Barchielli ha acquisito una pluriennale esperienza all’interno di società a partecipazione pubblica di rilievo nazionale e locale, nei ruoli di responsabile del procedimento, dell’ufficio gare e contratti, del personale, dell’organizzazione aziendale, della mobilità e dei sistemi informativi. Nel 2004 ha ideato e realizzato la rivista www.urbanisticaitaliana.it specializzata in diritto urbanistico e nel 2008 ha creato la rivista www.appaltieriserve.it, l’unica specializzata sulla fase esecutiva dei contratti pubblici. Oggi è Avvocato libero professionista con attività prevalente in diritto amministrativo e laddove contraddistinti da connotazione amministrativistica anche negli ambiti afferenti al diritto civile, penale e tributario. Relatore in numerosi corsi e convegni si muove sul territorio nazionale per assistere sinergicamente pubbliche amministrazioni, società partecipate, imprenditori e privati.
Avv. Claudio Bargellini
Avv. Claudio Bargellini
Laureatosi all’Università degli Studi di Firenze nel 2002, con tesi in diritto dell’ambiente, ha collaborato con prestigioso studio legale con sede in Firenze specializzato nel diritto amministrativo e nel diritto civile fino al conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione forense. Iscritto all’Albo degli Avvocati del Foro di Firenze dal 2006 si occupa in particolare diassistenza e consulenza ad imprese e enti pubblici in materia di contratti, urbanistica ed edilizia, redazione di contratti (in particolare in materia di proprietà e appalti), assistenza alla preparazione degli atti di gara, gestione delle controversie in materia di appalti pubblici e privati, urbanistica, edilizia, concorsi pubblici, acque pubbliche e cave, proprietà, responsabilità contrattuale e extracontrattuale.

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it