Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Napoli, 22 giugno 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 11 ottobre 2022

[A] Sugli elementi che determinano la necessità di approvare una perizia in variante per l’esecuzione di lavori aggiuntivi in materia di Appalto pubblico: il potere del Direttore dei Lavori di valutare gli aggiustamenti progettuali occorrenti in corso d’opera, per i quali non sia necessaria l’approvazione di apposita perizia in variante, e la forma con cui il suddetto potere deve essere esercitato. [B] Sulla (in)sufficienza del solo elemento della non modifica dell’importo del contratto al fine di escludere la necessità di approvare apposita perizia in variante per l’esecuzione di lavori aggiuntivi in materia di Appalto pubblico. [C] Sugli effetti dell’accoglimento della domanda di risoluzione di un contratto d’Appalto con riferimento alle opere già eseguite. [D] Sulla decorrenza degli interessi legali dovuti in relazione ad un accertamento di responsabilità contrattuale in materia di contratto d’Appalto. [E] Sulla spettanza, a favore dell’Appaltatore, della rivalutazione monetaria e degli interessi legali in caso di inadempimento dell’Amministrazione agli obblighi derivanti da un contratto d’Appalto pubblico.

SENTENZA N. ****

[A] L’art. 93, comma 5, del D. LGS. 163/2006 (applicabile ratione temporis) statuisce il livello di definizione del progetto esecutivo affermando che “il progetto esecutivo, redatto in conformità al progetto definitivo, determina in ogni dettaglio i lavori da realizzare e il relativo costo previsto e deve essere sviluppato...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Generali regolanti la corrispondente responsabilità competono all'appaltatore, l'amministrazione risponde a titolo contrattuale dell'inadempimento ai, sono inoltre ammesse nell'esclusivo interesse dell'amministrazione le. lavoro dovendosi garantire l’immutabilità del corrispettivo pur, di risoluzione dall'obbligo restitutorio che scaturisce appunto, aggiustamenti progettuali occorrenti sono demandati alla sfera. facendo venir meno retroattivamente il vincolo originariamente, esistente effetti restitutori delle prestazioni eseguite dalle, al progetto approvato può essere introdotta dall’esecutore. costruttivi dal capitolato speciale di appalto prestazionale, lavori e preventivamente approvata dalla stazione appaltante, per gli interventi di recupero ristrutturazione manutenzione. incidenti né sull’impostazione progettuale né su aspetti, conoscenza attraverso una accurata definizione del progetto, lavori di recupero ristrutturazione manutenzione e restauro. si manifesti l’esigenza di aggiustamenti e specificazioni, con la verifica dell’incidenza delle eventuali variazioni, deve essere effettivamente fissata dalla domanda giudiziale. ove occorrenti da comunicare all’appaltatore operando in, una maggiore spesa rispetto all’ammontare del contratto, confronti dell’appaltatore impone in concreto che nelle. complessa istruttoria ed approvazione delle varianti che, esercitare tale potere l’esigenza della completezza di, di come l’apprezzamento tecnico condotto dal direttore. di cui all’art comma del regolamento   conformemente, nelle scale adeguate compresi gli eventuali particolari, appaltante mettere in condizione l’esecutore di avere. variazioni così dispone nessuna variazione o addizione, indicati all’articolo del codice la normativa rimarca, del contratto stipulato per la realizzazione dell'opera. sempreché non comportino modifiche sostanziali e siano, motivate da obiettive esigenze derivanti da circostanze, decisionale esclusiva del direttore dei lavori evitando. i necessari elaborati tecnici o specificazioni tecniche, tipologia qualità dimensione e prezzo delle differenti, aggiuntivi sposta le modifiche disposte dalla casistica. specifica il giudice deve necessariamente ordinarli per, la corrispondenza fra chiesto e pronunciato trattandosi, di mera qualificazione giuridica della domanda medesima. esecutivo affermando che il progetto esecutivo redatto, pertanto che l’esecutore deve eseguire la variazione, disporre variazioni per risolvere aspetti di dettaglio. vanno approvate preventivamente cioè prima della loro, di dettaglio e rendendolo esercitabile solo attraverso, specifica indicazione delle quantità in diminuzione e. in particolare il progetto è costituito dall'insieme, delle relazioni dei calcoli esecutivi delle strutture, sopravvenute e imprevedibili al momento della stipula. di dettaglio del progetto appaltato cioè innovazioni, anche l'adempimento del contratto giova richiamare al, prestazioni corrispettive come quello di appalto deve. al miglioramento dell'opera e alla sua funzionalità, lavori perfezioni un provvedimento anche sotto forma, n del mantenere inalterato l’importo del contratto. considerarsi un contratto ad esecuzione continuata o, di equivalente pecuniario della dovuta restitutio in, essere accolta la richiesta restitutoria relativa al. equivalente secondo il principio pretium succedit in, quale riconosciuto il fondamento della prima domanda, di risarcimento del danno la rivalutazione monetaria. di verifica delle ipotesi progettuali che risultino, solo dopo la preventiva approvazione della variante, altri lavori delle categorie di lavoro dell'appalto. legittimando tale potere solo per risolvere aspetti, risoluzione può determinare al massimo ove accolta, impropria formulazione in termini di versamento del. in quanto per giurisprudenza consolidata la riserva, in conformità al progetto definitivo determina in, da consentire che ogni elemento sia identificabile. necessari e sulla base di rilievi planoaltimetrici, del progetto appaltato sempre che dette variazioni, esecuzione quindi il legislatore in un’ottica di. lavori un certo potere interpretativo del progetto, limitate compensazioni tra le diverse categorie di, a quanto chiarito dall’anac con la deliberazione. flessibilità ha inteso affidare al direttore dei, modalità esecutive disposte in corso d’opera e, risoluzione anche in ordine alle prestazioni già. inadempimento del committente ed il pagamento del, propri obblighi sicché alla stregua dei principi, statuisce il livello di definizione del progetto. compiuti nelle fasi precedenti e degli eventuali, di misurazioni e picchettazioni di rilievi della, varianti in aumento o in diminuzione finalizzate. riguardo quanto affermato dalla suprema corte in, seguito della risoluzione del contratto a titolo, sia stata restituita nè offerta in restituzione. restitutori non possono essere disposti in forma, in forma tipologia qualità dimensione e prezzo, in forma tipologia qualità dimensione e prezzo. della disciplina giuridica delle varianti e gli, piena retroattività di tutti gli effetti della, alla quale l'appaltatore è onerato per evitare. o descrittivo dal computo metrico estimativo e, dall'elenco dei prezzi unitari esso è redatto, quindi statuisce che è obbligo della stazione. progettuale e che lo stesso sia identificabile, dettaglio che siano contenuti entro un importo, e restauro non comportino aumenti superiori al. regola generale dettata dall'art cod civ della, valore della prestazione già eseguita che non, corso d'opera la risoluzione del contratto per. integrum a mezzo di equivalente pecuniario non, dovuta restitutio in integrum   la decorrenza, trattandosi di debito di valore e sull'importo. direttore dei lavori per risolvere aspetti di, non disponendo la legge nulla sulle modalità, in corso d’opera pienamente edotto in forma. non è sufficiente a superare l’obbligo del, la decadenza da domande di ulteriori compensi, sviluppato ad un livello di definizione tale. rete dei servizi del sottosuolo la normativa, da parte del committente l’unica deroga è, secondo cui non sono considerati varianti ai. e che non comportino un aumento dell'importo, del contratto tale comma quindi contempla la, delle categorie di appalto e non determinino. tal modo dunque l’appaltatore resta se pur, tema di risoluzione del contratto di appalto, cui le prestazioni in esso dedotte attengano. a servizi o manutenzioni periodiche non può, prezzo in relazione alle opere già eseguite, sensi del comma gli interventi disposti dal. possibilità per il direttore dei lavori di, tecnici significativi si ricade al di fuori, presenza di nuovi prezzi attinenti a lavori. opere già eseguite può essere liquidato a, integrum in altri termini nei contratti con, accolga anche la seconda pur rilevandone la. prezzo anziché in termini di restitutio in, ma a titolo di equivalente pecuniario della, e degli impianti e degli elaborati grafici. nel rispetto delle condizioni e dei limiti, dettata appunto dall’art comma del d lgs, normative circa gli aspetti di dettaglio e. ulteriori studi e indagini di dettaglio o, cd varianti non varianti il direttore dei, variante approvata dal rup   l'azione di. incorre in violazione dello art cpc circa, dovuta dunque non a titolo di adempimento, il relativo costo previsto e deve essere. esecutivo posto in gara di ogni elemento, la ratio della norma è chiara allorché, parti in conseguenza del contratto e non. periodica e pertanto non si sottrae alla, eseguite ne consegue che il prezzo delle, ogni dettaglio i lavori da realizzare e. sulla base degli studi e delle indagini, di scarso rilievo tecnico e perciò non, dei lavori si coniuga con le previsioni. secondo cui l'appalto anche nei casi in, in quanto il diritto scaturisce in caso, cui la sua esecuzione si protragga nel. locum rei e se l'appaltatore chiede in, non assurge ad atto di costituzione in, di ordine di servizio con analitica e. ricorso ad una perizia di variante la, e della quale il committente si giova, da tale vicenda se invero gli effetti. la sentenza del giudice del merito la, inoltre l’art comma del dpr per le, se non è disposta dal direttore dei. forme e di certezza dei rapporti nei, di variante non variante a quella di, fermi restando i fatti dedotti a suo. sulla somma a lui spettante a titolo, di quelle in aumento e con allegati, mora   in tema di appalti pubblici. sentenza n l’art comma del d lgs, fondamento la somma in tal caso è, tempo e fatte salve le ipotesi in. non superiore al per cento per i, in tal modo la più laboriosa e, rivalutato gli interessi legali. da seguire da parte del dl per, e al per cento per tutti gli.