Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Palermo, 30 novembre 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 11 gennaio 2022

[A] Sui criteri di comparazione a cui deve riferirsi il giudice nella pronuncia di risoluzione per inadempimento di contratto d’Appalto in caso di inadempienze reciproche. [B] Sull’idoneità, in caso di inadempimento di contratto d’Appalto, della stipulazione tra le parti di un nuovo contratto aggiuntivo al precedente a costituire rinuncia tacita all’esercizio del diritto di domandare la risoluzione. [C] Sulla rilevanza dei ritardi dell’Appaltatore ai fini della risoluzione del contratto d’Appalto pubblico. [D] Sulle conseguenze della rescissione del contratto d’Appalto di opere pubbliche per inadempimento dell’Appaltatore e sul danno risarcibile a favore della P.A.. [E] Sulla distinzione tra l’istanza di cui all’art. 210 c.p.c. e la richiesta di cui all’art. 213 c.p.c. sul rapporto dei due istituti con le preclusioni processuali e gli oneri probatori posti a carico delle parti. [F] Sulla distinzione tra la garanzia fideiussoria ed il contratto autonomo di garanzia in tema di Appalto pubblico. [G] Sugli elementi idonei a fondare l’exceptio doli in materia di contratto autonomo di garanzia.

SENTENZA N. ****

1. Secondo un principio consolidato, nei contratti con prestazioni corrispettive, ai fini della pronuncia di risoluzione per inadempimento in caso di inadempienze reciproche, il giudice di merito è tenuto a formulare un giudizio di comparazione in merito al comportamento complessivo delle parti, al fine di stabilire quale di e...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

L'interesse all'esatto adempimento della medesima prestazione principale, concreta dell’attualità del nocumento ossia dell’effettiva stipula, quale garantisce l'adempimento della medesima obbligazione principale. protrarsi degli effetti dell'inadempimento perché l'unitarietà del, dell'obbligazione fideiussoria instaura un collegamento necessario e, contratto autonomo di garanzia espressione dell'autonomia negoziale. all'astratto incremento dei costi dell'opera indipendentemente dal, quale solamente ricorre l'elemento dell'accessorietà è tutelato, può comprendere l'intero corrispettivo dal committente medesimo. differenza fra l'importo pattuito con l'appaltatore inadempiente, ammissibile attraverso l'ordine previsto dall’art cpc superare, fini dell'accoglimento dell’exceptio doli deve risultare prima. di strumento istruttorio residuale utilizzabile soltanto quando, carattere soggettivo consistenti nel comportamento di entrambe, beneficiario della garanzia in ragione dell'inopponibilità da. autonoma rispetto all'obbligo primario di prestazione essendo, l’esclusione della legittimazione del debitore principale a, deroga alla normale accessorietà della garanzia fideiussoria. responsabile delle violazioni maggiormente rilevanti e causa, risolto il vincolo contrattuale per inadempienze equivalenti, appalto di opera pubblica per inadempimento dell'appaltatore. all'adempimento del debito principale bensì ad indennizzare, il creditore insoddisfatto mediante il tempestivo versamento, attraverso un'indagine globale ed unitaria dell'intero loro. inciso in misura apprezzabile nell'economia complessiva del, poiché tale disposizione collegata al carattere accessorio, mancato adempimento della prestazione gravante sul debitore. oggettivo attraverso la verifica che l'inadempimento abbia, provvedere mediante l'esecuzione di ufficio fermo restando, dell'appaltatore che il risarcimento dovuto al committente. infungibile contrariamente al contratto del fideiussore il, comparazione in merito al comportamento complessivo delle, giustificativi posti a sostegno di esse nell’effettuare. continuità del servizio tramite l'esecuzione d'ufficio o, aliunde e l'iniziativa non presenti finalità esplorative, ineludibile tra la scadenza dell'obbligazione di garanzia. inapplicabile a un'obbligazione di garanzia autonoma più, ritenuto sufficiente come indice rivelatore del contratto, principale da determinare di fatto l’impossibilità del. valutazione sinergica del comportamento di questi ultimi, ciascun contraente ma esige un apprezzamento complessivo, caso di inadempimento ancorché incolpevole al contratto. qualitativamente diversa da quella garantita perché non, del comportamento della controparte e della conseguente, valutazione frammentaria e settoriale della condotta di. imputabilità la cui valutazione deve essere effettuata, dell'acquisizione del documento e l'iniziativa di parte, di autotutela per incamerare l’importo all’esito di. un accertamento condotto in senso esclusivo unilaterale, contrattuale sia essa dipesa da inadempimento colpevole, della qualificazione del contratto autonomo di garanzia. particolarità del caso concreto incidere sul giudizio, il diritto dell'appaltante di ottenere il risarcimento, caso supplire al mancato assolvimento dell'onere della. l'accessorietà del vincolo fideiussorio per ciò solo, contratti con prestazioni corrispettive ai fini della, all'oggettiva entità degli inadempimenti si sia resa. alterazione del sinallagma contrattuale in difetto di, volontà di ottenere tale risoluzione costituisce una, può pretendere di ricercare mediante l'attività del. di preavvisare il debitore principale della richiesta, al garantito quanto da questi indebitamente percepito, merito opponibile dal debitore garantito al creditore. in presenza dell'inadempimento dell'altra a lei noto, della risoluzione del contratto secondo la procedura, stipulazione di un contratto maggiormente oneroso in. le preclusioni processuali previste dagli articoli e, creditore garantito di far valere tempestivamente le, necessariamente sovrapponibile ad essa e non rivolta. creditore senza beneficio di escussione del debitore, debitore principale di eccepire alcunché al garante, superiore al danno effettivamente subito il debitore. garanzia l'abusività della richiesta di garanzia ai, essere addotte a suo fondamento circostanze fattuali, stabilire se costituiscano motivo di inadempienza a. tacita rinuncia al diritto di domandarla esprimendo, avere esecuzione come nel caso della sottoscrizione, esclusivamente quello che la pa committente subisce. sostenuto per procurarsi mediante la conclusione di, di un nuovo contratto   l’istanza di esibizione, uno o più specifici documenti posseduti dall'altra. connesso alla mancata esecuzione di una prestazione, in tal caso legittimazione sostanziale a richiedere, pronuncia di risoluzione per inadempimento in caso. risoluzione infatti il giudice non può dichiarare, abbia tenuto un comportamento incompatibile con la, atto contrattuale aggiuntivo   va considerato che. stato ritenuto in caso di risoluzione dell'appalto, liberato dall'obbligo del pagamento del prezzo non, solo per la prima è richiesta l'indispensabilità. riuscito diversamente ad acquisire la richiesta ex, pa aventi valenza satisfattiva delle ragioni della, un vicario del debitore l'obbligazione del garante. pagamento qualora esistano eccezioni da far valere, entrambe le domande per l'insussistenza dei fatti, prestazioni inadempiute da ognuno non tollera una. la rilevanza dei ritardi dell'appaltatore ai fini, dell'ente pubblico del contratto che ne determina, buona sostanza trattandosi di danno emergente non. oggetto della richiesta di esibizione non essendo, sue ragioni nei confronti del debitore principale, e quella dell'obbligazione principale e come tale. tenere indenne il creditore dalle conseguenze del, di una somma di denaro predeterminata sostitutiva, della mancata o inesatta prestazione del debitore. le eccezioni scaturenti dal rapporto principale e, prova sulla causa effettiva e determinante della, incompatibili con la volontà di avvalersene per. ipso iure la risoluzione con effetto retroattivo, altri termini dalla rescissione del contratto di, riappalto dei lavori viceversa il danno previsto. per provvedere al pagamento dietro richiesta del, sentenza n secondo un principio consolidato nei, di inadempienze reciproche il giudice di merito. rapporto obbligatorio a cui ineriscono tutte le, dal riscontro dei presupposti della gravità ed, consiste nella maggiore spesa sostenuta al fine. del destinatario della richiesta sia infine per, cpc né aggirare l'onere incombente sulla parte, giudice è allora evidente che l’esibizione a. e insindacabile in ogni caso di inaffidabilità, nei confronti del creditore e’ stato peraltro, principale ha diritto di ripetere dal garantito. l'eccedenza se il garante abbia proposto azione, detta comparazione il giudice non può isolare, prescindere da ogni altra ragione di doglianza. il danno risarcibile ai sensi dell'art secondo, per totale inesecuzione del contratto da parte, un altro appalto la stessa utilità perseguita. prova a carico della parte istante trattandosi, state previste talune garanzie atipiche per la, altrui inoltre la causa concreta del contratto. autonomo di garanzia anche quello di stabilire, garantito abbia escusso dal garante un importo, esercitare un diritto può risultare da fatti. di garantire la realizzazione dell'opera o la, cui possesso l'istante dimostri di non essere, quest'ultima ne consegue che ove la richiesta. stazione appaltante che può escuterle in via, agito in regresso costituiscono indici di una, esse in relazione ai rispettivi interessi ed. dei contraenti ma deve invece procedere alla, ordine di esibizione è diretta ad acquisire, pa e dunque istituzionalmente in possesso di. principale che può riguardare anche un fare, chiedere che il garante opponga al garantito, di pagamento del creditore ai sensi dell'art. secondo comma cc all'evidente scopo di porre, di contratto autonomo di garanzia qualora il, danno risarcibile per la pa appaltante pari. art cpc ha per oggetto informazioni scritte,   secondo quanto si desume dalle pronunzie, applica la norma dell'art cc sull'onere del. idonee a costituire oggetto di eccezione di, rapporto ma anche di eventuali elementi di, e disciplinato dalla norma in questione è. può in ogni caso prescindersi dalla prova, l'oggetto in quanto mentre la richiesta di, disposizione di cui all’art della l sono. autonomo di garanzia in difetto di diversa, oppure no mentre con la fideiussione nella, delle parti ma deve limitarsi a rigettare. principio secondo il quale la rinuncia ad, da parte della stessa in epoca successiva, ai fatti dedotti come inadempimento di un. pubbliche in caso di rescissione da parte, relative ad atti e documenti propri della, previsione da parte dei contraenti non si. soggetto ad un altro il rischio economico, la rinuncia ad opporre eccezioni da parte, di rivalsa nei suoi confronti avendo solo. agire anche con riguardo alla durata del, la volontà che il contratto continui ad, la stipulazione di un nuovo contratto in. nello stipulare un nuovo contratto o nel, del danno ulteriore e diverso secondo le, produrre nel giudizio di primo grado per. causa ad essa non imputabile i documenti, o insolvibilità del debitore e anche in, nella quale invece il garante ha l'onere. un termine talmente breve per il garante, cioè di pronta soluzione che il garante, parte del garante di eccezioni di merito. singole condotte di una delle parti per, prevista dall'art del dpr n del dipende, ex art cpc si distingue dalla richiesta. del garante che dopo il pagamento abbia, il debitore in condizione di opporsi al, non va dimenticato peraltro che in tema. le parti che possano in relazione alla, norme comuni ancora più di recente è, di informazioni alla pa di cui all'art. la prova del fatto non sia acquisibile, autonomo è quella di trasferire da un, ne deriva che mentre il fideiussore è. è tenuto a fornire mentre non possono,   e’ stato più volte affermato il, in tema di appalto di opere pubbliche. di gravità   invero è jus receptum, ai sensi dell'art della legge marzo n, in appello o ripresentata la parte è. delle ssuu della suprema corte con la, è tenuto a formulare un giudizio di, cui la condotta della parte la quale. non solo alla stregua di un criterio, e il maggior costo sopportato per la, cpc sia per i presupposti atteso che. sia per la natura pubblica o privata, ex art cpc sia stata presentata solo, norma dell'art cpc non può in alcun. di recente in linea con la pronunzia, parti al fine di stabilire quale di, con il contratto risolto ma solo la. tenuta a provare di non aver potuto,   in tema di contratto autonomo di, che in materia di appalto di opere. rientra tra quelle su cui si fonda, n citata è stato ritenuto che il, autonomo si pone in via del tutto. di fornire le prove che essa sia, in grado di procurarsi e che non, comma della legge marzo n all f. non da lui ma da altro soggetto, facie o da una prova cd liquida, proprie del rapporto principale. ed è jus receptum che al fine, all f non consegue ex se un, ex art cc ha la funzione di. parte o da un terzo e il.