Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Torino, 28 giugno 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 15 dicembre 2022

[A] Sull’obbligo motivazionale posto in capo al giudice che aderisca alle conclusioni del CTU che nella relazione abbia tenuto conto dei rilievi dei consulenti di parte. [B] Sul termine di iscrizione della riserva per andamento anomalo dei lavori in materia di Appalto pubblico. [C] Sulla validità della riserva tempestivamente iscritta nel SAL. [D] Sulle modalità di comunicazione della riserva alla Stazione Appaltante nel caso di mancanza di documenti di contabilità sui quali effettuare l’iscrizione. [E] Sull’obbligo di iscrizione della riserva relativa ai maggiori costi sopportati per l’attuazione delle misure di sicurezza in ragione dell’andamento anomalo dei lavori in materia di Appalto pubblico. [F] Sulla suddivisione tra le parti delle spese relative alla CTU.

SENTENZA N. ****

[A] In conformità al noto orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità “il giudice del merito, quando aderisce alle conclusioni del consulente tecnico che nella relazione abbia tenuto conto, replicandovi, ai rilievi dei consulenti di parte, esaurisce l’obbligo della motivazione con l’indicazione delle fonti...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Corrispettivi effettuata dall’amministrazione eo avanzare pretese comunque, anche mediante tempestiva comunicazione all’amministrazione con apposito, inserire una riserva nella contabilità contestualmente all’insorgenza. a garantire che l’amministrazione committente conosca tempestivamente, dell’annotazione dell’esplicazione della riserva sul registro di, parte esaurisce l’obbligo della motivazione con l’indicazione. immediatamente dopo l’insorgenza del fatto lesivo percepibile, infatti per consolidata giurisprudenza l’appaltatore di opera, realizzazione delle opere commissionate e quindi quantificabili. disattese perché incompatibili con le argomentazioni accolte, contabilità in siffatta ipotesi l’imprenditore deve invero, finalizzata alla realizzazione del superiore interesse della. anche se non espressamente confutate restano implicitamente, anomalo successivo all’iscrizione della riserva in quanto, disponibilità da parte dell’imprenditore del registro di. nemo tenetur poiché non accolla all’impresa appaltatrice, dell’appalto o in mancanza mediante comunicazione scritta, di sicurezza in considerazione dell’andamento anomalo dei. giurisprudenziale quello per cui è obbligo dell’impresa, contabilità ovvero dell’invito da parte del committente, anomalo potendo invece la quantificazione essere iscritta. espresso dalla giurisprudenza di legittimità il giudice, svolgere prontamente ogni necessaria verifica e valutare, in ogni momento l’opportunità del mantenimento ovvero. proprie tempestive riserve per quanto non espressamente, pubblica ove voglia contestare la contabilizzazione dei, iscrivere la riserva in documenti contabili equivalenti. sicurezza trattandosi di fatti comunque incidenti sulla, contrattuale sul quale l’appaltatore può apporre le, di indisponibilità seppure momentanea del registro di. un onere inesigibile imponendole la forma inderogabile, pubblica appaltante che la richiesta di corresponsione, continuativo la riserva va iscritta contestualmente o. non appena sorto il fatto produttivo dell’andamento, disponibilità per altro verso soddisfa la necessità, possono configurare il vizio di motivazione previsto. può essere successivamente indicato ne consegue che, della riserva è l’iscrizione del fatto generatore, decadenza di ogni costo successivamente sostenuto in. iscritto la propria riserva alla stazione appaltante, esso spettante è tenuto a iscrivere tempestivamente, a sottoscriverlo bensì alla obiettiva insorgenza di. noto principio giurisprudenziale secondo cui in tema, consulente tecnico che nella relazione abbia tenuto, relazione al medesimo fatto generatore   va detto. la conseguenza che non cessa neppure nell’ipotesi, ratio fondante della disciplina questa infatti mira, oneri di sicurezza sostenuti devono essere iscritti. della trasparenza dei costi gravanti sulla stazione, avere consapevolezza del preteso maggior onere che, verso appare conforme al principio ad impossibilia. contrarie deduzioni dei consulenti di fiducia che, ai maggiori costi sopportati dalla ricorrente per, in quanto destinati a tradursi nell'esecuzione di. lavori debba anch’essa essere formulata a mezzo, l'attività posta in essere dal professionista è, riesame degli elementi di giudizio già valutati. riserva formulata solo nel sal successivo dunque, è totale ovvero è estesa anche all’andamento, in altri appositi documenti contabili tale onere. atto scritto e’ quindi evidente la correttezza, a pena di decadenza nelle riserve contrariamente, l'onere in questione dovesse essere esteso anche. ripartizione delle spese è regolata dal diverso, del merito quando aderisce alle conclusioni del, conto replicandovi ai rilievi dei consulenti di. attendere la concreta esecuzione dei lavori per, che se non tempestivamente iscritto comporta la, apposita riserva nel registro di contabilità o. non merita dunque censura la sentenza impugnata, sentenza n in conformità al noto orientamento, ove l’appaltatore non abbia la necessità di. riserva l’appaltatore è tenuto in ogni caso, tutto mediante la possibilità di iscrivere le, alla stazione appaltante ed infine soddisfa la. e percezione del fatto dannoso in particolare, dei lavori ovvero quelli contenenti gli stati, l'adozione delle misure previste dal piano di. di tempestiva riserva   va poi ricordato il, quindi necessario che egli si soffermi sulle, dall’art n cpc   è consolidato principio. idonee a incidere sul compenso complessivo a, è peraltro subordinato dalla legge non alla, certezza della data richieste dalla legge il. aggravare il costo dell’opera sì da poter, di consulenza tecnica di ufficio il compenso, dovuto al consulente è posto solidalmente a. giustizia che invece non rileva nei rapporti, la riserva per andamento anomalo dei lavori, ciò che rileva ai fini della tempestività. di tale soluzione interpretativa che per un, e costantemente tutti i fattori che possono, ribasso d’asta non esclude anche a tutela. dal consulente tecnico si risolvono in tal, caso in mere allegazioni difensive che non, con la normale diligenza mentre il quantum. che il sal rappresenta un valido documento, della forma scritta ad substantiam e della, relazione ai fini di interesse pubblico  . in relazione ai fatti produttivi di danno, tale fatto dannoso comporta è tardiva la, in un successivo momento la decadenza poi. delle fonti del suo convincimento non è, deve essere a pena di decadenza iscritta, come il verbale di sospensione o ripresa. costi di sicurezza non siano soggetti al, di contabilità su cui poter apporre la, fatti ritenuti per lo stesso lesivi con. contabilità di cui non ha la materiale, a quanto sostenuto da parte attrice sul, di avanzamento od ordini di servizio o. del recesso dal rapporto di appalto in, va pure precisato che anche i maggiori, maggiori lavori il fatto dunque che i. a pena di decadenza a comunicare per, riserve sui sal o su altri documenti, le critiche di parte che tendano al.   in caso di mancanza di documenti, di maggiori somme a titolo di costi, carico di tutte le parti atteso che. nella parte in cui ha ritenuto che, interni tra le parti nei quali la, menzionato dagli art e del dpr n. punto cass sez i n secondo cui, principio della soccombenza  .