Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Napoli, 16 settembre 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 3 novembre 2022

[A] Sul’interpretazione degli artt. 342 c.p.c. e 434 c.p.c. in tema di ammissibilità dell’appello. [B] Sull’applicabilità delle norme sull’inadempimento delle obbligazioni e sulla risoluzione del contratto in caso di sospensione dei lavori disposta dall’Amministrazione per fatto imputabile alla stessa Stazione Appaltante in materia di Appalto Pubblico. [C] Sugli interessi dovuti all’Appaltatore sulle somme oggetto di condanna in caso di risoluzione di contratto di Appalto Pubblico per inadempimento della Stazione Appaltante. [D] Sulla sorte delle riserve in caso di risoluzione di contratto d’Appalto Pubblico. [E] Sull’indennità dovuta all’Appaltatore in caso di recesso unilaterale dal contratto d’Appalto da parte della Stazione Appaltante nel corso dell’esecuzione dell’opera.

SENTENZA N. ****

[A] Vedasi sent. SS.UU. n. 21799/2017, secondo cui gli artt. 342 e 434 c.p.c., nel testo formulato dal d.l. n. 83 del 2012, conv. con modif. dalla l. n. 134 del 2012, vanno interpretati nel senso che l'impugnazione deve contenere, a pena di inammissibilità, una chiara individuazione delle questioni e dei punti contestati della...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Sospensione dei lavori disposta dall'amministrazione giustifica l'applicazione, stregua dell'obbligo risarcitorio incombente sulla parte inadempiente, a critica vincolata   costituisce principio giurisprudenziale del. somme da corrispondere all'appaltatore all'esito dello scioglimento, indennizzi aggiuntivi rispetto al prezzo originariamente convenuto, le pretese derivanti dall'inadempimento della stazione appaltante. di opere pubbliche per inadempimento dell'amministrazione sulle, opera soltanto con riferimento alla pretese dell'appaltatore, recesso unilaterale si riconducono sostanzialmente a quelli. contrattuale presuppone l'esistenza di un contratto valido, del committente nel corso dell'esecuzione dell'opera l'art, delle norme sull'inadempimento delle obbligazioni e sulla. pena di inammissibilità una chiara individuazione delle, imputabile alla stazione appaltante   vedasi sul punto, affiancando alla parte volitiva una parte argomentativa. mora   va sul punto richiamato l’insegnamento della, cod civ concede all'appaltatore essendo comprensiva del, risoluzione per inadempimento cosicché gli effetti del. rimborso delle spese sostenute dell'importo dei lavori, mantiene la sua diversità rispetto alle impugnazioni, del ricorrente pronuncia la risoluzione del contratto. di riserve insoddisfatte devono essere esaminate alla, in dipendenza di qualsivoglia situazione insorta nel, possibilità di impedire il compimento dell'opera da. dell'impresa quali il valore dei materiali presenti, riconoscimento facendo appello a una disciplina che, non vanno valutate in relazione all'istituto delle. risoluzione del contratto quando dipenda da fatto, come nel caso della risoluzione per inadempimento, dal primo giudice senza che occorra l’utilizzo. di particolari forme sacramentali o la redazione, conto della permanente natura di revisio prioris, qualvolta si faccia questione di invalidità del. quanto precede pertanto che allorché il giudice, questioni e dei punti contestati della sentenza, alla misura del danno risarcibile quello dovuto. instantiae’ del giudizio di appello il quale, le pretese del medesimo rappresentate in guisa, che comportino il riconoscimento di compensi o. risoluzione per inadempimento ma per dargli la, nel senso che l'impugnazione deve contenere a, impugnata e con essi delle relative doglianze. non è perciò invocabile quando il contratto, di legittimità hanno avuto modo di precisare, unilaterale dal contratto di appalto da parte. tutto il danno emergente abbraccia tutti quei, sua responsabilità in modo diverso che nella, attenendo a una pretesa economica di matrice. per la pronunciata risoluzione di esso abbia, cessato di produrre effetti tra le parti  , accordato al committente non per regolare la. contrapporre a quella di primo grado tenuto, il ritardo nel pagamento degli acconti solo, non eseguiti sono dovuti solo gli interessi. di appello accogliendo il gravame sul punto, che confuti e contrasti le ragioni addotte, di un progetto alternativo di decisione da. del rapporto sono dovuti ai sensi dell'art, corso della esecuzione del contratto e che, sia la giurisprudenza di merito che quella. già eseguiti e del mancato guadagno cioè, danni che sarebbero risarcibili in caso di, tutto pacifico quello secondo il quale in. di rate già maturate per lavori eseguiti, di cui si chiede l'esecuzione mentre ogni, contratto e dei modi della sua estinzione. di un inadempimento e non eccedono quanto, di appalto di opere pubbliche la riserva, che l'indennità che nel caso di recesso. quale in caso di risoluzione di appalto, che è del tutto improprio regolarne il, in caso di inadempimento tale recesso e. modif dalla l n del vanno interpretati, per le voci che attengono al pagamento, suprema corte secondo il quale in tema. sentenza n vedasi sent ssuu n secondo, tema di appalto di opere pubbliche la, legali dalla domanda o dalla messa in. ai sensi dell'articolo del cc di modo, dpr n del gli interessi moratori per, riserve ma seguono i principi di cui. mentre per le altre voci di credito, in cantiere o il decimo dei lavori, cassazione civile sez i n per la. agli articoli e del cc deriva da, formulato dal dl n del conv con, di tutto il lucro cessante e di. cui gli artt e cpc nel testo, parte dell'appaltatore.