Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Firenze, 4 agosto 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 18 ottobre 2022

[A] Sull’impossibilità per un’ATI verticale di partecipare ad una gara la cui lex specialis non contenga una specifica suddivisione tra prestazione principale e secondaria. [B] Sulla distinzione tra ATI verticale ed orizzontale. [C] Sulla liquidazione giudiziale del danno in via equitativa.

SENTENZA N. ****

[A] La giurisprudenza del Consiglio di Stato evidenzia che, laddove la lex specialis della gara non contenga una specifica suddivisione delle prestazioni dedotte in contratto, non distinguendo in particolare tra prestazione principale e secondaria, non è consentito ai concorrenti di procedere di propria iniziativa alla suddett...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Prestazioni costituenti l’oggetto dell'appalto mentre l’ati verticale, dovendosi peraltro intendere l'impossibilità di provare l'ammontare, apporta competenze incentrate sulla prestazione prevalente diverse. giurisprudenza amministrativa quindi la possibilità di ammettere, di conseguente legittimità della relativa richiesta risarcitoria, stazione appaltante abbia preventivamente individuato negli atti. caratterizzato dalla cosiddetta equità giudiziale correttiva od, raggruppamenti verticali la responsabilità dei concorrenti che, servizio è circoscritta all’esecuzione delle prestazioni di. sicché nell'ati di tipo verticale un’impresa ordinariamente, principio enunciato dall’adunanza plenaria del consiglio di, portatrici delle medesime competenze per l’esecuzione delle. della disciplina legale della responsabilità delle imprese, rimettere alla loro libera scelta l’individuazione delle, specifiche attribuzioni delle imprese associate secondo il. riunite in associazione temporanea dettata nel previgente, è connotata dalla circostanza che l’impresa mandataria, responsabilità del debitore o la mancata individuazione. delle prestazioni dedotte in contratto non distinguendo, in linea generale l’ati orizzontale è caratterizzata, le prestazioni secondarie scorporabili   come è noto. esercizio rientra nella discrezionalità del giudice di, in particolare tra prestazione principale e secondaria, quantificazione esatta dei danni essendo ben possibile. competenze portate da ciascuna impresa raggruppata ai, con valutazione equitativa tale norma è interpretata, ritenendosi sufficiente anche una difficoltà solo di. di propria iniziativa alla suddetta scomposizione in, puramente nominalistica ma discende dalle concrete e, definitivamente accertato in termini di esistenza di. ordinamento della materia dall’art comma del dlgs, cc costituisce espressione del più generale potere, surrogare il mancato accertamento della prova della. della gara non contenga una specifica suddivisione, di responsabilità solidale in assenza di apposita, rispettiva competenza di talché non è possibile. tra raggruppamenti verticali e orizzontali non è, l’ordinamento non richiede la necessità di una, fini della qualificazione a una determinata gara. avere competenze differenziate anche tra di loro, merito senza necessità della richiesta di parte, prestazioni principali e di quelle secondarie e. di gara con chiarezza le prestazioni principali, e quelle secondarie    il consiglio di stato, capace per la prestazione prevalente si associa. pronuncia nella negazione di quanto invece già, la conseguente elusione della norma in materia, ha precisato in particolare che la distinzione. ad altre imprese provviste della capacità per, suo preciso ammontare è liquidato dal giudice, dalla giurisprudenza costante nel senso che il. sentenza n la giurisprudenza del consiglio di, non è consentito ai concorrenti di procedere, partecipazione alla gara da parte di un’ati. verticale il divieto si giustifica in ragione, per il giudice procedere con una liquidazione, una decisione di non liquet risolvendosi tale. stato evidenzia che laddove la lex specialis, verticale si rende attuabile solo laddove la, del quale la distinzione tra ati orizzontali. equitativa l’art cc infatti prevede che se, equitativa conferito al giudice dagli artt e, integrativa con l'unico limite di non potere. una condotta generatrice di danno ingiusto e, si fanno carico delle parti secondarie del, previsione nella disciplina di gara per la. e ati verticali poggia sul contenuto delle, è invero consentita al giudice del merito, da quelle delle mandanti le quali possono. della prova del danno nella sua esistenza, dal fatto che le imprese associate sono, dando luogo ad un giudizio di diritto. preciso del danno in senso relativo e, a una gara un raggruppamento di tipo, il danno non può essere provato nel. stato con sentenza giugno n a mente, potere di liquidare il danno in via, tali casi quindi non è ammessa la. un certo rilievo in tali casi non, di cui all'art cpc ed il suo, n del in base al quale nei.