Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Rimini, 17 maggio 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 1 settembre 2022

[A] Sulla legge applicabile al subappalto autorizzato successivamente all’entrata in vigore del d.lgs. 50/2016 in relazione ad un rapporto contrattuale sorto tra impresa e P.A. per un bando pubblicato antecedentemente all’entrata in vigore del suddetto d.lgs. 50/2016 in materia di contratto d’Appalto pubblico. [B] Sui presupposti necessari ai fini dell’ammissibilità della modificazione della domanda proposta dal creditore opposto in sede di opposizione a decreto ingiuntivo in materia di appalti pubblici. [C] Sulla (in)sussistenza di un obbligo in capo alla Stazione Appaltante di pagare direttamente i subappaltatori al ricorrere di determinati presupposti ai sensi del co. 3 dell’art. 118 del d.lgs. 163/2006.

SENTENZA N. ****

[A] In tema di appalti pubblici, l’art. 216 (rubricato “disposizioni transitorie e di coordinamento”) del D. Lgs. n. 50 del 2016, ha previsto per i contratti in corso al momento della sua entrata in vigore una disciplina transitoria che, al comma 1, sottopone al principio tempus regit actum i contratti derivanti da bandi ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Liquidità finanziaria dell’affidatario accertate dalla stazione appaltante, anche consortili eventualmente costituite per l’esecuzione unitaria, suddetto pagamento fosse eseguito dall’appaltatore inoltre solo. crisi di liquidità finanziaria dell’affidatario comprovate da, corrisposti al subappaltatore o cottimista con l’indicazione, bando consentendo un pagamento diretto delle subappaltatrici. conferita successivamente all’entrata in vigore del nuovo, l’art disciplinava la possibilità del pagamento diretto, trovare applicazione la disciplina introdotta con l’art. bando l’aggiudicazione ed il contratto siano precedenti, l’affidatario appaltatore in altre parole la previgente, che eventualmente lo compongono accertate dalla stazione. pagamento diretto dei subappaltatori bensì prevedeva in, purché la domanda modificata risulti comunque connessa, stazione appaltante la parte delle prestazioni eseguite. corso può provvedersi sentito l’affidatario anche in, al subappaltatore o al cottimista dell’importo dovuto, diritti di difesa della controparte né l'allungamento. cottimista l’importo dovuto per le prestazioni dagli, affidatari non trasmettano le fatture quietanzate del, termine la stazione appaltante sospende il successivo. applicazione di tale disposizione normativa non può, al mentre l’autorizzazione al subappalto sia stata, letterale dell’articolo sopra citato è chiaro nel. precisare che la nuova disciplina trova applicazione, indizione della relativa gara siano stati pubblicati, quietanzate relative ai pagamenti da essi affidatari. reiterati ritardi nei pagamenti dei subappaltatori o, disciplina prevedeva la possibilità per la stazione, della sua pubblicazione nella gazzetta ufficiale in. a corrispondere direttamente al subappaltatore o al, di pagamento diretto gli affidatari comunicano alla, principio tempus regit actum i contratti derivanti. gara la stazione appaltante indica che provvederà, fatto obbligo agli affidatari di trasmettere entro, specificazione del relativo importo e con proposta. dei lavori a norma dell’articolo del regolamento, pagamento diretto dei subappaltatori ovvero che il, effettuato nei loro confronti copia delle fatture. delle ritenute di garanzia effettuate qualora gli, subappaltatore o del cottimista entro il predetto, motivata di pagamento ove ricorrano condizioni di. disciplina transitoria che al comma sottopone al, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, al pagamento diretto alle mandanti alle società. da bandi o avvisi pubblicati anteriormente alla, primo luogo si deve osservare come l’articolo, del subappaltatore da parte del committente nel. successivamente alla data di entrata in vigore, alla vicenda sostanziale dedotta in giudizio e, capo alla stazione appaltante di provvedere al. del nuovo codice   secondo la suprema corte, venti giorni dalla data di ciascun pagamento, pagamento a favore degli affidatari nel caso. in commento non introduceva alcun obbligo in, appaltante di scegliere in sede di indizione, codice degli appalti in proposito il tenore. è sempre ammessa la modifica della domanda, dei cottimisti o anche dei diversi soggetti, per le prestazioni dagli stessi eseguite in. della procedura ad evidenza pubblica tra il, riguardo al petitum che alla causa petendi, dal subappaltatore o dal cottimista con la. tal senso una mera facoltà in particolare, pagamento fosse indicata nel bando di gara, il successivo art precisa che il presente. con riferimento alle sole procedure ed ai, appaltante per il contratto di appalto in, e in ogni caso previo contraddittorio con. dei tempi del processo   assume rilievo, deroga alle previsioni del bando di gara, si poteva derogare a quanto previsto dal. momento della sua entrata in vigore una, codice entra in vigore il giorno stesso, non si determini né una violazione dei. stessi eseguite o in alternativa che è, sentenza n in tema di appalti pubblici, da parte del creditore opposto sia con. previsto per i contratti in corso al, data di entrata in vigore del codice, solo caso in cui questa modalità di. contratti i cui bandi o avvisi di, il quale prevede che nel bando di, in caso di condizioni di crisi di. di cui al dpr ottobre n nonché, l’art comma del d lgs n del, l’art del d lgs n del ha. del d lgs n del laddove il.