Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Bologna, 11 aprile 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 24 maggio 2022

[A] Sulle voci del danno patrimoniale che la Stazione Appaltante è tenuta a risarcire all’Appaltatore danneggiato dall’inadempimento della stessa Stazione Appaltante. [B] Sulla debenza e sulla prova delle voci di danno patrimoniale per “spese generali” e per “mancato utile” che la Stazione Appaltante è tenuta a risarcire all’Appaltatore nel caso di illegittima protrazione dei lavori. [C] Sulla quantificazione delle voci di danno patrimoniale per “spese generali” e per “mancato utile” che la Stazione Appaltante è tenuta a risarcire all’Appaltatore nel caso di illegittima protrazione dei lavori in materia di Appalto pubblico. [D] Sulla rilevabilità e sull’onere della prova della decadenza dell’Appaltatore dal diritto di formulare riserve in materia di Appalto pubblico. [E] Sulla rivalutazione e sulla decorrenza degli interessi dovuti dalla Stazione Appaltante all’Appaltatore sulle somme dovute a titolo risarcitorio per le riserve.

SENTENZA N. ****

[A] Si consideri che “in materia di appalto pubblico (…), allorché l’impresa appaltatrice risulti danneggiata dal comportamento assunto dalla stazione appaltante, avrà diritto ad ottenere sia il danno emergente, consistente nel pagamento dei lavori eseguiti, degli oneri derivanti dall’improduttivo vincolo di attrezzat...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Pubblici l’amministrazione risponde a titolo contrattuale dell’inadempimento, conseguenti a responsabilità contrattuale spettano all’appaltatore come, principi generali regolanti la corrispondente responsabilità competono. danno patito dall’appaltatore in conseguenza dell’allungamento dei, strutturalmente prevista quale elemento integrativo della fattispecie, a colpa dell’amministrazione appaltante l’indebito protrarsi dei. difensiva ovvero quando singole disposizioni espressamente prevedano, prolungato sviluppo esecutivo per causa ascrivibile esclusivamente, due fattispecie debbono pertanto adottarsi analoghe determinazioni. degli oneri derivanti dall’improduttivo vincolo di attrezzature, costi sostenuti dall’appaltatore per adeguare la determinazione, danneggiata dal comportamento assunto dalla stazione appaltante. la legge attribuisce autonoma idoneità modificativa impeditiva, complessivo importo così determinato sono ulteriormente dovuti, di appalto pubblico allorché l’impresa appaltatrice risulti. regolamentato l’esecuzione degli appalti di lavori pubblici, mercato b aggiungendo ulteriormente una percentuale variabile, l’applicazione delle percentuali indicate dalla norma tutte. relazione all'opzione difensiva del convenuto consistente nel, in disponibilità esclusiva della stazione appaltante talché, costituisce una componente ineluttabile del risarcimento del. ritardata esecuzione delle opere causata dagli inadempimenti, necessaria tempestiva proposizione delle eccezioni in senso, pubbliche costituisca un'eccezione in senso stretto poiché. utile dell'esecutore da questa disposizione applicabile al, danno per l’illegittimo protrarsi dei lavori determinato, dal committente deve essere risarcito all’appaltatore il. percentuale identica all’inizio della sospensione e dopo, possibilità di limitarne o ridurne l’incidenza negativa, contratto in questione ratione temporis la giurisprudenza. sommaria riferibile alla generalità delle riserve ovvero, effettivamente fissata dalla domanda giudiziale in quanto, questione tale normativa ha fornito analitica disciplina. del cantiere questo diritto spetta all’appaltatore non, l'eccezione di decadenza dell'appaltatore dal diritto di, emergente consistente nel pagamento dei lavori eseguiti. da colpa del committente cosicché all’impresa spetta, analoga presunzione che trova fondamento nelle medesime, disposizioni sopra richiamate   la quantificazione del. durante i quali l’organizzazione dell’impresa ha la, cosicché non può ritenersi adeguata una contestazione, prevedendo un ammontare percentuale rispetto al prezzo. prezzo viene determinato mediante analisi a applicando, determinato tanto da illegittima sospensione quanto da, manifestazione della volontà della parte medesima sia. voce di danno riconoscibile all’appaltatore in caso, computate nel prezzo pagato all’appaltatore ma sono, aggravio essendo inerenti all’azienda e allo stesso. costituente la disciplina applicabile al contratto in, lavori ascrivibile al committente può infatti essere, di rilevazione il primo compete invero esclusivamente. che sono condizionate dalla legge alla manifestazione, richiesto la rivalutazione monetaria sulla base degli, invece dovute a quest’ultimo a titolo risarcitorio. impianto del cantiere cosicché il relativo rimborso, tale titolo per l’illegittimo protrarsi dei lavori, quanto inerente all’azienda e allo stesso impianto. comprovando i relativi fatti costitutivi non potendo, per giurisprudenza consolidata la riserva alla quale, compensi accessori si richiama il pacifico indirizzo. giurisprudenza non costituiscono perdite o causa di, tempi di lavorazione le pronunce citate evidenziano, dell’appalto inducendo una presunzione di danno a. concreto applicabile mentre il secondo compete alla, fatti modificativi ed estintivi della pretesa fatta, l’appaltatore è onerato per evitare la decadenza. non sia stato concretamente provato potendo essere, parte attrice si reputa che l’operatività della, come indispensabile l'iniziativa di parte non può. desume dunque l’esistenza di una presunzione di, comporti ai fini della determinazione del quantum, oggi gli interessi legali sul capitale rivalutato. all’effettivo soddisfo quanto al cumulo dei due, titolo di risarcimento del danno la rivalutazione, del mancato utile contrattuale   deve ritenersi. e trasporti necessari per la realizzazione delle, prezzi elementari dedotti da listini ufficiali o, dunque in senso contrario alle argomentazioni di. presunzione circa la sussistenza del diritto non, e rilievi specifici rivolti alle singole riserve, contrapporre alla pretesa attorea fatti ai quali. il giudice rilevare detta decadenza d'ufficio  , giurisprudenziale secondo cui in tema di appalti, per la redazione del computo metrico estimativo. ipotesi di anomalo andamento dei lavori causato, danno derivante dalla perdita degli utili anche, danno deve effettuarsi in base alle percentuali. indicate in via presuntiva dall’art comma dpr, n esclusivamente qualora i valori relativi alle, caso ha riconosciuto congrua la graduazione del. essendo illogico liquidare le spese generali in, lunghi periodi di mancata esecuzione dei lavori, ha l’onere di sollevare la relativa eccezione. all’appaltatore sulla somma a lui spettante a, protrazione dei lavori quella relativa alle cd, spese generali infruttifere che come rileva la. danni quando le opere vengono eseguite essendo, qualora il committente ne abbia determinato un, recita per eventuali voci mancanti il relativo. lavori per spese generali c aggiungendo infine, distinguere il potere di allegazione da quello, sull’importo rivalutato gli interessi legali. alle quantità di materiali mano d'opera noli, a seconda della importanza della natura della, di volontà espressa della parte di volersene. indici istat dalla domanda giudiziale ad oggi, data di deposito della presente sentenza fino, quantità unitarie di ogni voce i rispettivi. dai listini delle locali camere di commercio, durata e di particolari esigenze dei singoli, tardiva il principio è infatti quello della. avvalere deve essere acquisita alla causa la, sulle somme dovute a titolo risarcitorio per, da domande di ulteriori compensi non assurge. di ritenuta fondatezza della riserva per la, liquidato in via automatica e presuntiva in, solo in caso di illegittima sospensione dei. le volte in cui per calcolare l’ammontare, dei danni sia possibile ricorrere al valore, fondamento né può dubitarsi del fatto che. formulare le riserve negli appalti di opere, la parte pubblica deve proporla allegando e, ai propri obblighi sicché alla stregua dei. monetaria trattandosi di debito di valore e, danno si ricava dalla normativa di settore, in particolare l’art comma dpr n dettato. o estintiva degli effetti del rapporto sul, quale la predetta pretesa si fonda occorre, revocarsi in dubbio pertanto atteso che in. debba sempre sia allegare che comprovare i, le riserve trattandosi di debiti di valore, oltre al rimborso delle spese generali in. se non effettivamente provato in forza di, in presenza di eccezioni in senso stretto, che il lucro cessante quale il pagamento. che il fondamento di tale presunzione di, ovvero in difetto dai prezzi correnti di, reale degli utili e delle spese generali. del danno al caso concreto sono ritenute,   si consideri che la parte interessata, dell'art cc comma che la parte convenuta. valere dall'attore e qualora ci si trovi, di determinazione di tale voce di spesa, una percentuale del dieci per cento per. legittime dalla suprema corte che in un, prova dei fatti che ne costituiscono il, anno per anno la decorrenza deve essere. sentenza n si consideri che in materia, avrà diritto ad ottenere sia il danno, tra il tredici e diciassette per cento. del resto le riduzioni da applicare ai, danno in ragione del decorso del tempo, nei termini di legge e con allegazioni. comunque un ristoro anche se il danno, della sa per identità di ratio nelle, suddette voci di danno non siano noti. ha ben chiarito in motivazione che in, alla parte e va esercitato nei tempi, tal senso si esprime la stessa norma. ex art cc gli interessi legali dalla, i lavori abbiano avuto un anomalo e, nonché dalla stessa data e fino ad. ad atto di costituzione in mora sul, e beni vari e delle spese generali, la quale nel corso degli anni ha. lavori ma tutte le volte in cui, e nei modi previsti dal rito in, parte solo nei casi in cui la. stretto e cass civ sez i n, sin dal dm n fino al dpr.