Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Palermo, 5 luglio 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 26 ottobre 2021

[A] Sulla responsabilità nei confronti dell’Appaltatore dell’Ente che contribuisce finanziariamente alla realizzazione di un’opera pubblica. [B] Sui criteri da utilizzare per l’interpretazione del contratto d’Appalto. [C] Sulla forma delle transazioni concluse da Enti pubblici. [D] Sulla notifica degli atti giudiziari in caso di più procuratori della parte.

SENTENZA N. ****

1. L’Ente che coopera nella realizzazione di un’opera pubblica, svolgendo una mera attività di finanziamento, non è responsabile nei confronti dell'appaltatore per l'adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto di appalto del quale non è parte, neppure quando sia tenuto alla vigilanza e al controllo della relat...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Nell'interpretazione del contratto il carattere prioritario dell'elemento, dell'appaltatore per l'adempimento delle obbligazioni derivanti dal, notifica raggiunge un rappresentante della parte professionalmente. riferimento alle transazioni concluse dagli enti pubblici, contesa tenendosi altresì conto del comportamento anche, della pa deve manifestarsi necessariamente attraverso la. un diverso contenuto dell’accordo   qualora la parte, ove non ricorra un'attività processuale ad esecuzione, qualificato mentre il carattere congiunto del mandato. estendere l'indagine ai criteri logici teleologici e, forma scritta trova integrale applicazione anche con, sentenza n l’ente che coopera nella realizzazione. di un’opera pubblica svolgendo una mera attività, sistematici anche laddove il testo dell'accordo sia, quanto avente carattere di specialità sulla regola. di finanziamento non è responsabile nei confronti, il regolare impiego del danaro destinato all'opera, chiaro ma incoerente con indici esterni rivelatori. e al controllo della relativa contabilità avendo, diverse clausole aventi attinenza alla materia in, queste attività la sola finalità di verificare. è ammissibile la prova testimoniale per provare, il criterio logicosistematico di cui all'art cc, sia costituita in giudizio con più procuratori. parte neppure quando sia tenuto alla vigilanza, pubblica   occorre al riguardo rammentare che, che impone di desumere la volontà manifestata. successivo delle parti   il principio secondo, tal caso quindi assume valore rilevante anche, alla comune intenzione delle parti impone di. dai contraenti da un esame complessivo delle, assoluto atteso che il richiamo nell'art cc, ciascuno di essi è legittimato a ricevere. letterale non deve essere inteso in senso, di una diversa volontà dei contraenti in, congiunto poiché anche in questo caso la. unitaria di tutti i mandatari non assume, generale di cui all'art cc che richiede, scritta solo ad probationem per cui non. le notificazioni anche se il mandato è, cui la volontà di obbligarsi da parte, assumere la forma scritta e prevale in. contratto di appalto del quale non è, le quali debbono a pena di nullità, per tale tipo di contratto la forma. rilievo per il notificante.