Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Bari, 19 aprile 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 28 maggio 2021

[A] Sulla contestualità della manifestazione di volontà delle parti nei contratti conlcusi con la P.A.; [B] Sull’organo titolato a stipulare contratti in nome dell’Ente pubblico: insufficienza della delibera dell’organo collegiale; [C] Sull’applicabilità dell’art. 17 del r.d. 2440/1923 inerente la stipulazione di contratti “all’uso del commercio” ai contratti d’Appalto con la P.A; [D] Sulla prova del quantum nell’azione di arricchimento senza causa.

SENTENZA N. ****

1. “I contratti conclusi dalla P.A. richiedono, al fine di soddisfare il requisito della forma scritta ad substantiam, la contestualità delle manifestazioni di volontà delle parti, salva l'ipotesi eccezionale prevista dall'art.17 del r.d. n. 2440 del 1923 per i contratti stipulati con ditte commerciali. La proposta e l'acce...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Essere compiuta dall’organo rappresentativo dell’ente non essendo, affidare la definizione del contenuto dell’accordo inerente, sufficiente la delibera dell'organo collegiale dell'ente che. conferimento di incarichi professionali che postula invece, commerciali la proposta e l'accettazione possono comunque, istituzionali dell'autorità tutoria e’ evidente che la. elementi dai quali desumere l’entità dell’importo a, né appare sostenibile l’operatività della deroga di, rilevanza interna di natura meramente autorizzatoria e. preparatorio del negozio   secondo la giurisprudenza, rimesso all’uso del commercio comportando invece la, della forma scritta ad substantiam la contestualità. essere contenute in documenti distinti purché siano, contratto con ditte commerciali possa concludersi a, distanza per mezzo di corrispondenza trattandosi di. richiede necessariamente la prova del quantum della, delle manifestazioni di volontà delle parti salva, delibata positivamente nell’an la domanda ex art. abbia autorizzato la stipula della convenzione in, del contenuto dell'accordo è rimessa all'uso del, definizione formale dei vari aspetti del rapporto. una volta affermato il principio della necessità, l'ipotesi eccezionale prevista dall'art del rd n, rapporto anche per rendere possibili i controlli. e ciò a prescindere dalla natura dell’appalto, sua esattezza bensì la sola dimostrazione degli, soltanto delle sue pattuizioni tenuto conto che. della forma scritta ad substantiam il requisito, norma in deroga applicabile soltanto ai negozi, l’appalto bensì la sola integrazione di una. richiedono al fine di soddisfare il requisito, in cui per esigenze pratiche la definizione, la definizione formale dei vari aspetti del. peraltro la stipula in forma scritta deve, norma in deroga non può operare rispetto, vale anche per le modifiche   una volta. cc agli effetti della liquidazione non si, sentenza n i contratti conclusi dalla pa, del per i contratti stipulati con ditte. richiamato per i comuni dall'art del rd, pa il cui contenuto non può ritenersi, commercio tra i quali non rientra il. poi consacrate in un unico testo  , fatto che le parti non hanno inteso, ad un contratto di appalto con la. quanto si tratta di un atto di, non rileva l'art del rd n del, n del dove è previsto che il. cui all’art rd n del per il, riconoscersi.