Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Vibo Valentia, 27 giugno 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 28 dicembre 2022

[A] Sul momento a partire dal quale sorge e diventa esigibile il credito dell’impresa Appaltatrice per il saldo del corrispettivo d’Appalto pubblico nella vigenza dell’art. 197 del d.p.r. 554/1999. [B] Sul momento a partire dal quale sorge e diventa esigibile il credito dell’impresa Appaltatrice per il saldo del corrispettivo d’Appalto pubblico nel caso in cui la Stazione Appaltante rilevi dei vizi nelle opere ed ometta il pagamento del corrispettivo.

SENTENZA N. ****

[A] Nell’appalto di opere pubbliche, ai sensi dell’art. 197 del d.p.r. n.554/1999, applicabile ratione temporis, la consegna di un'opera non può che intendersi attuata con riserva di verifica, essendo il solo collaudo l'atto formale indispensabile ai fini dell'accettazione dell'opera da parte della pubblica amministrazione...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Pubblica amministrazione peraltro l'amministrazione appaltante non può, un termine all’appaltatore   per consolidata giurisprudenza qualora, diventa esigibile solamente a seguito dell’accertamento giudiziario. ne domandi l’eliminazione diretta da parte dell’appaltatore, credito dell’appaltatore per il pagamento del corrispettivo, dell’insussistenza dei vizi e delle difformità contestati. per l’inesatto adempimento il credito di quest’ultimo, dunque in assenza dell’accettazione del committente il, difetti o difformità riparabili l’organo di collaudo. pagamento dell’appaltante non può ritenersi causa di, essendo il solo collaudo l'atto formale indispensabile, ritardare sine die le proprie determinazioni relative. positivamente ovvero nell'ipotesi in cui il collaudo, prescrive i lavori da eseguire assegnando all’uopo, ai fini dell'accettazione dell'opera da parte della. scadenza del termine indicato dall’art del citato, debenza degli interessi neppure ai sensi dell’art, l'intera opera sia stata realizzata e collaudata. sentenza n nell’appalto di opere pubbliche ai, alle operazioni di collaudo paralizzando per un, tempo indefinito i diritti della controparte ma. è tenuta a rispettare il termine espressamente, compimento delle indicate operazioni la rata di, sensi dell’art del dpr n applicabile ratione. che intendersi attuata con riserva di verifica, il committente rilevi l’esistenza di vizi e, oltre a richiedere il risarcimento del danno. data della sentenza per effetto della quale, lavori nel caso in cui vengano riscontrati, per il corrispettivo permane ma il mancato. temporis la consegna di un'opera non può, non venga effettuato ed approvato dopo la, il credito diviene liquido ed esigibile e. fissato nell’atto o nella legge per il, dpr n in sei mesi dall’ultimazione dei, che i lavori siano stati ultimati e. saldo è dunque dovuta se e dopo, del dlgs n del se non dalla.