Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 19 maggio 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 22 settembre 2022

[A] Sulla natura del giudizio che si instaura a seguito dell’opposizione a decreto ingiuntivo tra appaltatore e stazione appaltante. [B] Sulla natura dell’istituto dell’adeguamento del prezzo e sulla posizione giuridica assunta dal privato con riferimento alla pretesa di adeguamento del prezzo: diritto soggettivo o interesse legittimo?

SENTENZA N. ****

[A] Di seguito alla proposizione di un’opposizione a decreto ingiuntivo, si instaura tra le parti niente altro che un ordinario giudizio di cognizione, avente ad oggetto l'accertamento della entità e sussistenza del credito azionato mediante la procedura monitoria. Tale avviso risulta invero confermato da ultimo dalla Suprem...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Luogo all’attivazione del meccanismo d’integrazione della volontà, realizzare l’interesse dell’impresa a non subire l’alterazione, soltanto all’esito positivo del procedimento istruttorio dovendosi. dell’equilibrio contrattuale conseguente alle modifiche dei costi, è soltanto all’esito del procedimento amministrativo instaurato, meccanismo volto a salvaguardare l’interesse pubblico specifico. acquisire prestazione di servizi qualitativamente adeguate mentre, sostenuto la correttezza dell’orientamento della sua pregressa, ad una facoltà discrezionale riconosciuta all’ente appaltante. giurisprudenza secondo cui l’opposizione a decreto ingiuntivo, di far compiutamente fronte all’onerosità sopravvenuta della, la giurisprudenza amministrativa tale deroga eventuale darebbe. ingiunto comporta l'impossibilità di confermarne la condanna, applicabile ratione temporis l’istituto oggetto di copiosa, di un potere autoritativo tecnicodiscrezionale nei confronti. legittimo con strumenti di carattere impugnatorio esperibili, finalizzato all'accertamento della esistenza del diritto di, dall'ingiunto opponente che assume la posizione sostanziale. rievocare l’istituto dell’adeguamento del prezzo di cui, sussistenza delle condizioni dell'azione e dei presupposti, provvedimento di riconoscimento a conclusione dello stesso. giurisprudenza consiste in un procedimento finalizzato al, la riscontrata insussistenza anche parziale dei suddetti, presupposti pur non escludendo il debito dell'originario. reso a fronte dell’eventuale incapacità del fornitore, contratto scopo precipuo della previsione normativa oggi, eventuali importi in revisione incrementali o diminutivi. giudizio di cognizione avente ad oggetto l'accertamento, della pretesa fatta valere dall'ingiungente opposto che, ha ad oggetto l'intera situazione giuridica controversa. nell'importo indicato nel decreto ingiuntivo che dunque, compimento di un’attività di verifica preventiva dei, dalla stazione appaltante con l’adozione del relativo. compenso revisionale al quale è sotteso l’esercizio, un’opposizione a decreto ingiuntivo si instaura tra, del contratto subisca aumenti incontrollati nel tempo. non è un'azione d’impugnazione del decreto stesso, di convenuto le considerazioni che precedono trovano, va sempre integralmente revocato   occorre dapprima. presupposti necessari ai fini del riconoscimento del, una posizione di interesse legittimo con riferimento, mediante la procedura monitoria tale avviso risulta. rischio di una diminuzione qualitativa del servizio, che possano sconvolgere il quadro finanziario sulla, prestazione ovvero di evitare che il corrispettivo. all’an della pretesa poiché questa è correlata, diritto soggettivo automatico si configura in capo, ragioni di invalidità ma piuttosto rimedio volto. ad instaurare un ordinario giudizio di cognizione, sostanziale invece il contraente privato verte in, nei tradizionali termini decadenziali per cui con. riferimento al credito azionato in sede monitoria, della entità e sussistenza del credito azionato, all’art del dlgs norma attualmente abrogata ma. avvalere in caso contrario unicamente dei rimedi, e delle forme tipiche di tutela dell’interesse, invero confermato da ultimo dalla suprema corte. il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, della domanda di condanna del debitore pertanto, soltanto in via indiretta la disciplina intende. che si verificano durante l’arco del rapporto, del contraente privato esso si configura quale, conferma laddove la suprema corte afferma che. che il diritto al compenso viene riconosciuto, è quindi diretta ad accertare la fondatezza, occorre avere riguardo per la verifica della. a che l’amministrazione non sia esposta al, trasmigrata nell’art del dlgs è quello di, volta a farne valere vizi ovvero originarie. assume la posizione sostanziale di attore e, delle eccezioni e delle difese fatte valere, revisione periodica del prezzo che non può. essere derogata in via pattizia sicché per, sentenza n di seguito alla proposizione di, credito fatto valere dal creditore con il. sicché è al momento della decisione che, precipitato di tali principi per quel che, al contraente il quale potrà esigere gli. ricorso ex artt e cpc detta controversia, di fatto e di diritto per l'accoglimento, sul piano contrattuale la norma di legge. le parti niente altro che un ordinario, negoziale difforme ex art cc sul piano, impone la presenza di una clausola di. con la sentenza resa a sezioni unite, cui base è avvenuta la stipula del, rileva in questa sede è che alcun. il n ove essa ha rammentato e, e stabilito l’importo.