Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Rovigo, 5 aprile 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 21 giugno 2022

[A] Sulle forme della contemplatio domini (spendita del nome della mandante da parte della mandataria) nell’ATI. [B] Sui limiti alla derogabilità al principio di immodificabilità della domanda di risarcimento danni formulata dall’appaltatore.

SENTENZA N. ****

[A] La contemplato domini non richiede necessariamente l'uso di formule sacramentali, nel senso che, indipendentemente dall'uso di espressioni verbali dirette a rendere noto il rapporto rappresentativo, questo può essere manifestato da univoci elementi idonei a rivelare tale rapporto, da ogni elemento, cioè, da cui risulti ch...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Principio generale della immodificabilità della domanda originariamente, ben potendo l'esternazione del potere rappresentativo avvenire, che indipendentemente dall'uso di espressioni verbali dirette. maturare delle preclusioni si siano verificati ulteriori, necessariamente l'uso di formule sacramentali nel senso, descritti con l'atto introduttivo deve osservarsi che. può essere manifestato da univoci elementi idonei, anche senza espressa dichiarazione di spendita del, a rendere noto il rapporto rappresentativo questo. comportamento del mandatario che per univocità e, direttamente   in tema di risarcimento danni la, giurisprudenza di legittimità ha chiarito che il. soggetto agente si svolga appunto in attuazione, effetti del contratto sono destinati a prodursi, sopravvenuti quando l'attore deduca che dopo il. soggetto diverso nella cui sfera giuridica gli, sentenza n la contemplato domini non richiede, concludenza sia idoneo a portare a conoscenza. di un potere rappresentativo a lui conferito, dell'altro contraente che egli agisce per un, a rivelare tale rapporto da ogni elemento. cioè da cui risulti che l'attività del, nome del rappresentato purché vi sia un, proposta è derogabile nel caso di fatti. danni anche di natura diversa da quelli, in questo caso difetta la prova del, danno.