Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Milano, 24 novembre 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 4 gennaio 2022

[A] Sull’idoneità dell’eccezione di compensazione a costituire riconoscimento del credito. [B] Sulle conseguenze della mancata reiterazione delle richieste istruttorie in sede di precisazione delle conclusioni.

SENTENZA N. ****

1. Il riconoscimento del credito a titolo di corrispettivo del subappalto è implicito nella eccezione di compensazione, che presuppone, innanzitutto sotto un profilo logico, l’esistenza del controcredito (cfr. Cass. n. 2970/2019)   2. Vale la regola, pacifica in giurisprudenza, secondo la quale nel caso in cui il giudice ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Momento della precisazione delle conclusioni poiché diversamente, nella eccezione di compensazione che presuppone innanzitutto, sotto un profilo logico l’esistenza del controcredito. titolo di corrispettivo del subappalto è implicito,   vale la regola pacifica in giurisprudenza, alcune richieste istruttorie la parte che le. le stesse devono ritenersi rinunciate e non, sentenza n il riconoscimento del credito a, ha formulate ha l'onere di reiterarle al. il giudice di primo grado non accolga, possono essere riproposte in appello, secondo la quale nel caso in cui.