Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Milano, 24 novembre 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 4 gennaio 2022

[A] Sull’idoneità dell’eccezione di compensazione a costituire riconoscimento del credito. [B] Sulle conseguenze della mancata reiterazione delle richieste istruttorie in sede di precisazione delle conclusioni.

SENTENZA N. ****

1. Il riconoscimento del credito a titolo di corrispettivo del subappalto è implicito nella eccezione di compensazione, che presuppone, innanzitutto sotto un profilo logico, l’esistenza del controcredito (cfr. Cass. n. 2970/2019)   2. Vale la regola, pacifica in giurisprudenza, secondo la quale nel caso in cui il giudice ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Momento della precisazione delle conclusioni poiché diversamente, nella eccezione di compensazione che presuppone innanzitutto, sotto un profilo logico l’esistenza del controcredito. titolo di corrispettivo del subappalto è implicito,   vale la regola pacifica in giurisprudenza, alcune richieste istruttorie la parte che le. le stesse devono ritenersi rinunciate e non, sentenza n il riconoscimento del credito a, ha formulate ha l'onere di reiterarle al. il giudice di primo grado non accolga, possono essere riproposte in appello, secondo la quale nel caso in cui.