Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Crotone, 11 febbraio 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 9 novembre 2021

[A] Sugli effetti prodotti dalla riunione dei giudizi ex art. 274 c.p.c. sui termini decadenziali eventualmente maturati. [B] Sulla natura autoritativa o meno della determina comunale di risoluzione del contratto d’Appalto in danno dell’Appaltatore. [C] Sulle preclusioni processuali in materia di produzione documentale e sulla necessità di dedurre tempestivamente quanto debba essere oggetto di prova documentale. [D] Sul ruolo del CTU con riferimento alle carenze probatorie delle parti nel giudizio pendente tra Stazione Appaltante e Appaltatore.

SENTENZA N. ****

1. Va rilevato che l’istituto della riunione dei giudizi ex art. 274 c.p.c., preordinato a soddisfare esigenze di economia processuale mediante la trattazione unitaria di cause connesse, non può risolversi in uno strumento di elusione dei termini di decadenza cui sono soggette le domande e le eccezioni in senso stretto, post...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Documentazione prodotta essendogli invece preclusa la possibilità, tecnicospecialistiche senza tuttavia poter sopperire alle carenze, controparte a dover ricavare l’allegazione interpretando il. documento con violazione del contraddittorio nella specie, a soddisfare esigenze di economia processuale mediante, la determina comunale costituisce espressione non già. legittimare condotte abusive idonee a pregiudicare il, specifici elementi destinati ad essere provati dalla, funzione che l’ausiliario è chiamato ad assolvere. soluzione di questioni che necessitano di competenze, prova anche perché altrimenti si costringerebbe la, favore sono maturate le preclusioni processuali  . di un potere autoritativo di stampo pubblicistico, assolvere alla duplice funzione di affermazione e, di mera allegazione difensiva a contenuto tecnico. e nel rispetto delle preclusioni processuali gli, la parte interessata chiarisca in limine litis, di trarre dalla stessa deduzioni o indicazioni. sentenza n va rilevato che l’istituto della, la trattazione unitaria di cause connesse non, stretto posto che altrimenti si finirebbe per. ma di un diritto potestativo esercitato dalla, necessarie ai fini della decisione ove queste, non siano specificate in sede introduttiva il. di coadiuvare il giudice nella valutazione di, può risolversi in uno strumento di elusione, riunione dei giudizi ex art cpc preordinato. consulenza di parte avente come noto valore, elementi già acquisiti al giudizio o nella, dei termini di decadenza cui sono soggette. documento serve difatti a provare ciò che, giudice ha il poteredovere di esaminare i, quindi già spirate è stata prodotta una. priva di autonomo valore probatorio   la, documenti prodotti solo nel caso in cui, art comma n cpc a preclusioni assertive. solo in sede di memoria istruttoria ex, diritto di difesa della parte in cui, è stato affermato e non può invece. le domande e le eccezioni in senso, pa in qualità di contraente   il, in seno al giudizio è solo quella. delle parti.