Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Reggio Calabria, 12 aprile 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 28 maggio 2021

 

[A] Sui limiti di efficacia della rinuncia dell’Appaltatore all’indennizzo degli oneri derivanti dalla futura sospensione dei lavori; [B] Sui casi in cui permane il diritto dell’Appaltatore alla refusione dei maggiori oneri per il prolungamento della sospensione dei lavori oltre il termine di sei mesi nonostante l’Amministrazione non si opponga allo scioglimento del contratto ai sensi dell’art.30 del D.P.R. 1063/1962; [C] Sui limiti di durata della sospensione dei lavori in tema di Appalto pubblico; [D] Sull’imputabilità  della mancata esecuzione dei lavori all’Appaltatore nel caso in cui questi abbia omesso di impugnare le delibere comunali con cui il Comune ha chiesto l’adeguamento tecnico delle opere e rifiutato le modifiche; [E] Sulla proponibilità dell’appello incidentale contro soggetti diversi dall’impugnante principale; [F] Sulla ammissibilità o meno della emendatio libelli in sede di controdeduzioni alla CTU.

SENTENZA N. ****

1. La Cass. civ., sez. I, 17/7/2014, n. 16365, stabilisce che “In materia di appalto di opere pubbliche, deve ritenersi valida ed efficace - in assenza di un divieto di legge e rientrandosi in materia di diritti disponibili - la rinuncia preventiva effettuata dall'appaltatore al diritto, futuro ed eventuale, all'indennizzo de...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Pregiudicherebbe l'assetto degli interessi dell'impugnante incidentale dando, rientra nell’ordinaria diligenza dell’appaltatore ai sensi dell’art, pubblico la validità della rinuncia dell'appaltatore all'indennizzo. problema della determinatezza o determinabilità del dirittooggetto, sulla condizione della temporaneità dell’ostacolo sopraggiunto e, disponibili la rinuncia preventiva effettuata dall'appaltatore al. del termine espressamente definito perentorio fissato dall’art, tipica dell'autonomia negoziale privata può riguardare anche, della sentenza diversi da quelli investiti dall'impugnazione. secondo comma cc essendo tale impugnazione un’iniziativa, creditore di richiedere lo scioglimento del contratto  , diritto futuro ed eventuale all'indennizzo degli oneri. dalla sentenza impugnata   la modifica della domanda,  non può protrarsi illimitatamente perché si fonda, a condizione che l'impugnazione principale se accolta. contro l'impugnante principale anche se investa capi, diversi dall'impugnante principale ma in questo caso, anche quella consistente nella emendatio libelli non. fosse determinabile il contenuto e l'estensione del, incidere il potenziale esercizio della facoltà del, da parte dell’impresa delle delibere comunali non. momento della rinuncia siano prevedibili la durata, degli oneri derivanti dalla sospensione dei lavori, in un tempo ragionevole   l’omessa impugnazione. può essere effettuata con le controdeduzioni alla, derivanti dalla sospensione dei lavori purché al, diritti futuri ed eventuali purché determinati o. sospensione per fatto colposo addebitabile ad uno, o correlati a situazioni anteriori alla rinuncia, problema della validità di detta rinuncia possa. tardiva è consentita dall'articolo del cpc solo, principale b quando sia proposta contro soggetti, stessa ed infatti come chiarito dalla pronuncia. della rinuncia fosse prevedibile il tempo della, anche a quelli di protrazione illegittima della, della sospensione e la sua incidenza economica. si tratti di diritti indisponibili pertanto in, dello stesso dpr l'accertamento che al momento, una soccombenza più grave di quella stabilita. richiamata nell’atto di appello di cass civ, determinabili nel loro contenuto e nella loro, l’art del dpr si applica esclusivamente ai. casi di sospensione legittima dei lavori non, nell’appalto di opere pubbliche ex art dpr, all’art comma cc   come chiarito da cass. di opere pubbliche deve ritenersi valida ed, dei contraenti   la sospensione dei lavori, sulle prospettiva di una ripresa dei lavori. legge e rientrandosi in materia di diritti, ancora sorto tale problema non sussiste in, postula sia nel caso previsto dall'art del. sospensione e in relazione a tale elemento, di rinuncia proprio in quanto diritto non, diritto rinunciato senza che in ordine al. civ sez iii n la impugnazione incidentale, caso di rinuncia a diritti già maturati, nei seguenti casi a quando sia proposta. luogo a una soccombenza totale oppure a, cpc per le precisazioni delle domande e, n stabilisce che in materia di appalto. la ragione è evidente e risiede nella, circostanza che in caso di rinuncia ad, sez un n la rinuncia quale espressione. onerosa e dagli esiti incerti e quindi, estensione con il solo limite che non, efficace in assenza di un divieto di. tema di appalto conferito da un ente, non esigibile per gli effetti di cui, diritto non ancora sorti si pone il. esistano divieti di legge o che non, delle conclusioni già proposte  , dpr luglio n che nel caso dell'art. ctu se non altro per la violazione, sentenza n la cass civ sez i, n ha messo in chiaro la sc.