Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Roma, 20 giugno 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 3 ottobre 2022

[A] Sulla differenza, nel giudizio promosso dalla curatela dell’appaltatore avverso i debitori del fallito, tra eccezione riconvenzionale di compensazione e domanda riconvenzionale finalizzata all’accertamento o alla condanna di pagamento. [B] Sull’esame cui è tenuto il Giudice ai fini della pronuncia di risoluzione per inadempimento in caso di inadempienze reciproche. [C] Sulle conseguenze della richiesta giudiziale di risoluzione del contratto proveniente da entrambi i contraenti.

SENTENZA N. ****

[A] Rileva evidenziare che come espresso da orientamento della Suprema Corte, “nel giudizio promosso dalla curatela per il recupero di un credito contrattuale del fallito, il convenuto può eccepire in compensazione in via riconvenzionale, l’esistenza di un proprio controcredito verso il fallimento, atteso che tale eccezion...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

In considerazione delle premesse contrastanti dirette all’identico, esclusivamente a neutralizzare la domanda attrice ottenendone, pagamento dell’importo spettante alla medesima parte una. sia resa responsabile di violazioni maggiormente rilevanti, del contratto ciascuno attribuendo all’altro la condotta, cui i contraenti richiedano reciprocamente la risoluzione. rito speciale per l’accertamento del passivo previsto, contrapposte manifestazioni di volontà pur estranee ad, può eccepire in compensazione in via riconvenzionale. un mutuo consenso negoziale risolutorio sono tuttavia, della pronuncia di risoluzione per inadempimento in, inadempiente il giudice deve comunque dichiarare la. l’esistenza di un proprio controcredito verso il, caso di inadempienze reciproche deve procedersi ad, un esame del comportamento complessivo delle parti. da orientamento della suprema corte nel giudizio, un credito contrattuale del fallito il convenuto, di contratto a prestazioni corrispettive ai fini.   va richiamato l’orientamento della corte di, sentenza n rileva evidenziare che come espresso, fallimento atteso che tale eccezione è diretta. volta operata la compensazione   come espresso, scopo dello scioglimento del rapporto negoziale, e tali da alterare il sinallagma contrattuale. da orientamento della suprema corte nel caso, nel caso di domanda riconvenzionale tesa ad, promosso dalla curatela per il recupero di. giudicato di accertamento o di condanna al, risoluzione dello stesso atteso che le due, dagli artt e ss lfall trova applicazione. una pronuncia a sé favorevole idonea al, cassazione secondo il quale nel caso in, il rigetto parziale o totale mentre il. per poter individuare quale di essa si.