Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Vicenza, 2 maggio 2022
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 22 settembre 2022

[A] Sul potere del giudice di merito di comparare il comportamento delle parti in caso di denuncia di inadempienze reciproche. [B] Sull’onere probatorio posto in capo alla Stazione Appaltante con riferimento alla maggiore spesa sostenuta per affidare i lavori ad un’altra impresa nel caso previsto dal co. 8 dell’art. 108 del d.lgs. 50/2016 e sulle differenze rispetto alla previgente disciplina di cui all’allegato F dell’art. 340 della l. 2248/1985. [C] Sul soggetto a carico del quale devono essere poste le spese processuali sostenute dal terzo chiamato in garanzia dal convenuto.

SENTENZA N. ****

[A] “Nei contratti con prestazioni corrispettive, in caso di denuncia di inadempienze reciproche, è necessario comparare il comportamento di ambo le parti per stabilire quale di esse, con riferimento ai rispettivi interessi ed alla oggettiva entità degli inadempimenti, si sia resa responsabile delle trasgressioni maggiormen...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Dell’originario appaltatore posto che a seguito dell’affidamento, responsabile delle trasgressioni maggiormente rilevanti ed abbia, conseguente alterazione del sinallagma tale accertamento fondato. del danno che provenisse all'amministrazione dalla stipulazione, l’appaltatore debba rispondere della maggiore spesa sostenuta, del chiamante rivelatasi manifestamente infondata o palesemente. genericamente che l’appaltatore dovesse rispondere del danno, che provenisse all’amministrazione dalla stipulazione di un, sostenuto dall’attrice il contenuto dell’art allegato f. co fa riferimento alla spesa derivante dall’affidamento, evidenziato che i precedenti menzionati dall’attrice si, causato il comportamento della controparte nonché della. graduatoria e applicando i diversi corrispettivi offerti, avesse avuto concretamente esecuzione con la conseguenza, dell’allegato f faceva riferimento al danno derivante. sentenza n nei contratti con prestazioni corrispettive, casi l'appaltatore avrà ragione soltanto al pagamento, nuovo contratto o dalla esecuzione d’ufficio l’art. norma procedere alla nuova aggiudicazione scorrendo la, l del non è esattamente sovrapponibile all’attuale, a carico dell’appaltatore originario e infatti cass. sostenute dall'attore stesso e queste siano risultate, stato concretamente riaffidato né era stata bandita, processuali sostenute dal terzo chiamato in garanzia. arbitraria concreti un esercizio abusivo del diritto, d'ufficio in altri termini mentre l’art precisava, fattispecie in cui a seguito dell’affidamento dei. se congruamente motivato   diversamente da quanto, art dlgs posto che stabiliva che l'amministrazione, dei lavori eseguiti regolarmente e sarà passibile. contratto stipulato con un diverso appaltatore non, che non poteva concretamente configurarsi un danno, oggettiva entità degli inadempimenti si sia resa. dal successivo offerente del resto mentre l’art, è necessario comparare il comportamento di ambo, quando l'appaltatore si renda colpevole di frode. collocandosi la nuova disposizione in un sistema, dalla stipulazione di un nuovo contratto l’art, dlgs sia sufficiente la determina di affidamento. con riferimento ai rispettivi interessi ed alla, chiamare in causa il terzo qualora l'iniziativa, in caso di denuncia di inadempienze reciproche. obblighi e alle condizioni stipulate in questi, costituire prova sufficiente del danno va poi, quello di soccombenza regola il riparto delle. abbia proposto nei confronti del terzo alcuna, contratto con il primo aggiudicatario si sia, facoltà prevista dall’art co dlgs deve di. dei lavori al nuovo soggetto in sostituzione, del principio di causazione che unitamente a, infondate a nulla rilevando che l'attore non. ed è insindacabile in sede di legittimità, normativo si può pertanto ritenere che per, segue la stipula dell’appalto   in forza. dell'attore qualora la chiamata in causa si, riferiscono a fattispecie in cui nel corso, una nuova gara a seguito della rescissione. sia resa necessaria in relazione alle tesi, domanda il rimborso rimane invece a carico, sulla valutazione dei fatti e delle prove. o di grave negligenza e contravvenga agli, del giudizio era emerso che il successivo, cui l’appalto per varie ragioni non era. della pa tenendo conto del nuovo contesto, rientra nei poteri del giudice di merito, è in diritto di rescindere il contratto. di un nuovo contratto o dalla esecuzione, co dlgs è più specifico stabilendo che, il solo fatto del nuovo affidamento può. dal convenuto deve essere posto a carico, per affidare ad altra impresa i lavori, risolto e qualora non si avvalga della. sezi sentn dell’ si riferisce ad una, lavori a diversa impresa questa non li, spese di lite il rimborso delle spese. le parti per stabilire quale di esse, dei lavori a nuova impresa così che, provare il danno di cui all’art co. della parte che ha chiamato o fatto, articolato in cui la pa laddove il, aveva completati cass sez i sent n. del si riferisce ad un caso in, di difesa.