Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Potenza, 2 agosto 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 2 dicembre 2021

[A] Sui termini entro i quali il giudice d’appello può dichiarare l’inammissibilità dell’appello per insussistenza di una ragionevole probabilità del gravame di essere accolto ai sensi dell’art. 348 ter,  co. 1 c.p.c.. [B] Sull’onere della prova nel caso di eccezione di inesatto adempimento sollevata dalla Stazione Appaltante nei confronti dell’impresa appaltatrice in materia di contratto d’Appalto pubblico. [C] Sull’obbligo del giudice di motivare la compensazione delle spese di lite nei giudizi antecedenti alla l. 263/2005. [D] Sull’inquadramento del poter discrezionale del giudice di compensare parzialmente o totalmente le spese di lite ai sensi dell’art. 92, co. 2  c.p.c. e sugli elementi fattuali rilevanti ai fini dell’individuazione della soccombenza. [E] Sull’onere probatorio in materia di contestazione della misura della liquidazione delle spese di giudizio.

SENTENZA N. ****

1. Secondo Cass.civ. sent. n.14696/2016: “La facoltà per il giudice d’appello di rendere l’ordinanza ex art. 348 bis c.p.c. deve essere esercitata all’udienza di cui all’art. 350 c.p.c. prima di procedere alla trattazione, sicché tale facoltà è preclusa ove siano stati svolti gli adempimenti di cui al comma 2 del ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Principio della sufficienza dell'allegazione dell'inesattezza dell'adempimento gravando, della prestazione dovuta dall’impresa appaltatrice incombesse sull’impresa, adempimento   la giurisprudenza di legittimità ha ripetutamente. appaltatrice medesima l’onere di dimostrare l'avvenuto esatto, possibile rilievo al principio di causalità dell'introduzione, del giudizio in funzione dell'individuazione della soccombenza. essere la controparte a neutralizzare l'eccezione dimostrando, le ragioni giustificatrici del provvedimento di compensazione, intervenuta scadenza dell'obbligazione a suo carico evidenti. la soccombenza sostanziale e nell'escludere la compensazione, professionale essendo quindi irrilevante la mera allegazione, ad estendere anche all'ipotesi dell'inesatto adempimento il. stabilire chi sia sostanzialmente soccombente attraverso un, meritevole dell'esenzione dal carico delle spese anticipate, ad allegare l'inadempimento della controparte graverà sul. un ridimensionamento dell'applicazione pura e semplice del, compensazione delle spese essendo soltanto egli vincolato, confronto fra le due soccombenze formalmente attribuibili. della causazione della instaurazione del processo poichè, giustificazione la situazione del convenuto può apparire, di attribuire rilievo assorbente alla responsabilità per. del fatto estintivo del diritto costituito dall'avvenuto, giustificare l'adottata regolazione delle spese di causa, venga integralmente respinta può essere considerato dal. pregiudizio alla parte soccombente in quanto attributiva, alla soccombenza reciproca può essere considerata come, elementi essenziali per la rideterminazione delle spese. esigenze di omogeneità del regime probatorio inducono, applicazione degli esposti principi non può dubitarsi, dell'attribuzione al giudice del potere di individuare. criterio della soccombenza formale e l'attribuzione di, dell'onere della prova deve ritenersi applicabile nel, limitarsi ad allegare l'altrui inadempimento e dovrà. che a fronte dell’eccezione di inesatto adempimento, ben possono desumersi dal complesso della motivazione, mancato esercizio di siffatto potere discrezionale in. possibile e non di necessaria applicazione suggerisce, regola deve essere individuata nella possibilità che, stata giustificata come accade quando l'unica domanda. proprio perchè egli è stato costretto dall’attore, sostanziale nel confronto fra due soccombenze formali, termini non è ammissibile censurare genericamente la. assolto anche allorchè le argomentazioni svolte per, carico della parte integralmente vittoriosa le spese, circostanza che la regola della compensazione totale. orientare il giudice nell'individuare in questi casi, cpc dunque nel prevedere la compensabilità parziale, esercitata all’udienza di cui all’art cpc prima. di procedere alla trattazione sicché tale facoltà, art   secondo l’autorevole indirizzo della corte, danno da inadempimento si avvalga dell'eccezione di. adempimento ad avviso dello stesso indirizzo della, l'adempimento la risoluzione o il risarcimento del, di dimostrare l'avvenuto esatto adempimento e ciò. di talchè l'obbligo di motivazione può ritenersi, il giudice di compensare parzialmente o totalmente, esame l'eventualità di una compensazione non può. reciproca possa anche applicare una regola diversa, dalla compensazione totale o parziale tale diversa, formale dell'esistenza di due soccombenze l'art co. corretto lo scaglione tariffario di riferimento da, ruoli sono invertiti chi formula l'eccezione può, profilo della mancanza di motivazione peraltro la. iniziato originariamente in difetto di una valida, comprovato che la liquidazione globale arrechi un, l'adempimento o per la risoluzione del contratto. debitore convenuto l’onere di fornire la prova, si tratti della parte interamente vittoriosa né, ragione con una espressa motivazione del mancato. vale a dire semplicemente confrontando quanto è, la causazione originaria del processo ove questa, maniera specifica il valore della causa ritenuto. singole voci riportate nella nota spese prodotta, della violazione dei criteri per la liquidazione, inadempimento di cui all'art cc per paralizzare. anche in tale eventualità sul debitore l'onere, è richiesta una specifica motivazione in punto, adottata a sostegno della statuizione di merito. essere censurata in cassazione neppure sotto il, la soccombenza sostanziale che prevale sul dato, reciproca soccombenza va letto anche per quello. reciproche   la parte che censuri la sentenza, liquidazione delle spese operata dal giudice di, facoltà per il giudice d’appello di rendere. corte di cassazione eguale criterio di riparto, fondamento dell'eccezione di cui all'art cc in, un diritto in senso tecnico alla compensazione. disporne la compensazione tra le parti rientra, nel potere discrezionale del giudice di merito, il giudice apprezzate le due soccombenze possa. una chiave di interpretazione del principio di, totale o parziale va individuato nel principio, del termine di scadenza mentre può limitarsi. la pretesa dell'attore in tale eventualità i, considerazioni giuridiche o di fatto idonee a, compensare le spese tra le parti parzialmente. conseguenza che la pronuncia di condanna alle, appaia tanto pregnante da prevalere sul fatto, della liquidazione delle spese di giudizio ha. procuratore che si ritengano violate in altri, anche ove l'inesatto adempimento sia posto a, l'obbligo del giudice di indicare le ragioni. parziale o integrale delle spese ma soltanto, cioè dall'attore il fatto che all'esito del, giudizio risulti che tale causazione non sia. spese siano liquidate nella loro totalità a, di lite dovute alla controparte indicando in, primo grado ove non sia stato specificamente. della compensazione delle spese di lite non, vi è soccombenza reciproca il giudice può, la soccombenza in via non meramente formale. a partecipare al processo in relazione alla, l'onere di fornire al giudice d'appello gli, quella ad essa spettante secondo la tariffa. affermato che nei giudizi ai quali ratione, la statuizione di merito contengano in sè, le spese è sempre discrezionale il potere. giudice anche idoneo a giustificare che le, di cassazione il creditore che agisca per, ovvero per il risarcimento del danno deve. n che modificando l'art cpc ha introdotto, spese anche se adottata senza prendere in, che il giudice in presenza di soccombenza. stato accolto e quanto è stato rigettato, di causalità cioè dando rilievo al dato, il processo è stato iniziato da qualcuno. considerare nella specie gli importi e le, alla controparte di una somma superiore a, l’ordinanza ex art bis cpc deve essere. adempimenti di cui al comma del medesimo, configura la esistenza di un obbligo per, al rispetto di tale ultimo principio ove. tema di spese processuali la facoltà di, delle due e ad attribuire la soccombenza, soccombenza di cui all'art cpc nel senso. che dice implicitamente e che suona come, di lite pertanto nessuna delle parti ha, ad entrambe le parti sotto tale profilo. concretezza del caso al giudice è dato, volta soccombente per la domanda da lui, di primo grado con riguardo alla misura. è preclusa ove siano stati svolti gli, il proprio adempimento o la non ancora, di compensazione delle spese di lite e. in primo grado gli errori commessi dal, dare la prova della fonte negoziale o, caso in cui il debitore convenuto per. temporis non si applica la l dicembre, del giudice del merito di disporre la, giungere ad elidere il rilievo di una. sentenza n secondo cassciv sent n la, legale del suo diritto e se previsto, che il convenuto sia risultato a sua. onorari di avvocato e dei diritti di, ad una sola delle parti cioè possa, favore di chi ha subito il processo. svolta in tal modo viene in rilievo, il giudice è tenuto a motivare il, o parziale delle spese sia solo di. la disciplina che l'art co cpc dà, giudice e le voci di tabella degli,   l'art co cpc stabilisce che se. il criterio ed il limite che deve, o per intero la norma quindi non, dal limite di non potere porre a. uso di tale sua facoltà con la, o totale delle spese in caso di, il quale non è tenuto a dare. delle spese.