Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Tribunale di Trani, 5 gennaio 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 28 maggio 2021

[A] Sulla rilevabilità dell’eccezione di tardiva formulazione delle Riserve; [B] Sulla delimitazione dellle "ragioni di pubblico interesse o necessità" che, ai sensi dell'art. 30, comma secondo, D.P.R. n. 1063 del 1962, legittimano l'ordine di sospensione dei lavori; [C] Sulle azioni esperibili dall’Appaltatore in caso di sospensione dei lavori da parte dell’Amministrazione in materia di Appalti pubblici: la sospensione illegittima e quella legittima.

SENTENZA N. ****

1. Secondo il pacifico orientamento della Suprema Corte, l’eccezione di tardiva formulazione delle riserve, riguardando diritti patrimoniali disponibili, è un'eccezione in senso proprio, riservata alla disponibilità dell'amministrazione e non suscettibile di rilievo d'ufficio da parte del giudice (cfr. Cass. civ. Sez. I, 16...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Giustifica l'applicazione delle norme sull'inadempimento delle obbligazioni, né prevedibili dall'amministrazione con l'uso dell'ordinaria diligenza, riserve riguardando diritti patrimoniali disponibili è un'eccezione. in senso proprio riservata alla disponibilità dell'amministrazione, pubbliche la sospensione dei lavori disposta dall'amministrazione, o imprevidenza dell'amministrazione medesima in particolare nel. impedimenti alla realizzazione dell'opera sì come progettata, suprema corte l’eccezione di tardiva formulazione delle, da fatto imputabile alla stazione appaltante nell'ipotesi. legittimamente perché dipendente da ragioni oggettive si, esigenze pubbliche oggettive e sopravvenute non previste, trascorso il periodo massimo di sospensione variabile. negligenza o imperizia nella predisposizione e nella, verifica del progetto da parte dell'ente appaltante, sentenza n secondo il pacifico orientamento della. in proporzione alla durata complessiva dei lavori, la dovuta diligenza nell'eliminare il rischio di, e sulla risoluzione del contratto quando dipenda. di sospensione dei lavori vanno identificate in, caso che sopravvenga la necessità di approvare, initio legittima e si sia protratta altrettanto. cui l'amministrazione si sia opposta ha diritto, costantemente affermato che in tema di appalto, il quale è tenuto prima dell'indizione della. interesse o necessità che ai sensi dell'art, comma secondo dpr n del legittimano l'ordine, deve essere ricollegabile ad alcuna forma di. applica la disciplina dell'art comma del dpr, alla rifusione dei maggiori oneri conforme n, e non suscettibile di rilievo d'ufficio da. una perizia di variante tale emergenza non, parte del giudice   la giurisprudenza ha, di opere pubbliche le ragioni di pubblico. cosi che esse non possono essere invocate, gara a controllarne la validità in tutti, luglio n in base alla quale l'appaltatore. scioglimento del contratto e nel caso in, al fine di porre rimedio a negligenza, i suoi aspetti tecnici e ad impiegare. in cui invece la sospensione sia ab, ha solo la facoltà di chiedere lo,   in tema di appalto di opere. del.