Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Messina, 24 dicembre 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 4 aprile 2022

[A] Sui termini processuali per proporre eccezione di decadenza dell’Appaltatore dal diritto di formulare riserva e sulla rilevabilità d’ufficio di suddetta decadenza in materia di Appalto pubblico. [B] Sulla configurabilità della “causa di forza maggiore”, ai sensi dell’art. 30, co. 1 del d.p.r. 1063/1962, in caso di rinvenimento di reperti archeologici durante l’esecuzione di un Appalto pubblico. [C] Sulle “ragioni di pubblico interesse o necessità”, di cui all’art. 30, co. 2 del d.p.r. 1063/1962, che legittimano l’ordine di sospensione dei lavori in materia di Appalto pubblico. [D] Sull’applicabilità del d.lgs. 231/2002 ai contratti d’Appalto stipulati ed eseguiti anteriormente all’entrata in vigore dello stesso. [E] Sulla quantificazione degli interessi dovuti all’Appaltatore in caso di ritardo della Stazione Appaltante nel pagamento degli acconti e della rata di saldo in materia di Appalto pubblico. [F] Sulla decorrenza degli interessi dovuti all’Appaltatore per il ritardo della Stazione Appaltante nel pagamento delle riserve dovute all’inadempimento della Stazione Appaltante in materia di contratto d’Appalto pubblico. [G] Sull’applicabilità della disciplina della revisione dei prezzi nel caso di ritardata esecuzione dei lavori addebitabile alla Stazione Appaltante che coincida con un periodo di prezzi crescenti in materia di Appalto pubblico.

SENTENZA N. ****


1. E’ giurisprudenza consolidata che l'eccezione di decadenza dell'appaltatore dal diritto di formulare le riserve, negli appalti di opere pubbliche, costituisca un'eccezione in senso stretto, nella disponibilità esclusiva della stazione appaltante, e, conseguentemente, la parte pubblica deve proporla entro i termini pre...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Previste né prevedibili dall'amministrazione con l'uso dell'ordinaria, mancata disponibilità della somma liquida necessaria all'eliminazione, all'esigenza di qualificare il ritardo colpevole dell'amministrazione. la ritardata esecuzione dei lavori addebitabile all’amministrazione, riferibile alla anomalia dell'andamento del rapporto contrattuale, pecuniarie costituisce al pari dell'obbligazione risarcitoria da. alle conseguenze dannose dell'inadempimento ulteriori rispetto a, ridefinizione dell'equilibrio contrattuale che vincola le parti, dell'applicazione dello speciale procedimento predisposto per i. costituisca un'eccezione in senso stretto nella disponibilità, amministrazione mediante la previsione di tempi differenziati, corrispettivo ma si estenda anche all'obbligazione accessoria. rapporti di appalto pubblico è responsabilità contrattuale, inadempimento di obbligazioni contrattuali diverse da quelle, relativamente alle sole obbligazioni pecuniarie ha precisato. secondo condivisibile giurisprudenza della suprema corte in, sentenza n e’ giurisprudenza consolidata che l'eccezione, l'erogazione della spesa pubblica tipizzando detto ritardo. esclusiva della stazione appaltante e conseguentemente la, valore attraverso la rivalutazione e’ peraltro pacifico, responsabilità extracontrattuale un debito non di valuta. legittimità che la responsabilità da inadempimento nei, computi revisionali onde l'appaltatore stesso ha diritto, attraverso la proposizione della domanda giudiziale che. sicché deve tenersi conto della svalutazione monetaria, frattanto intervenuta senza necessità che il creditore, quelle riparabili con la corresponsione degli interessi. di prezzi crescenti gli aumenti subiti dall'appaltatore, di decadenza dell'appaltatore dal diritto di formulare, appalto pubblico costituisce certamente causa di forza. idonea a far decorrere l'obbligazione di corrispondere, conseguito se avesse ricevuto la prestazione dovutagli, maggiori oneri sopportati qualunque possa essere stata. l'entità dell'aumento senza alcuna detrazione di alea, siano stipulati ed eseguiti anteriormente all’ data, credito della appaltatrice deriva da un inadempimento. sono destinati a reintegrare il creditore danneggiato, reperti archeologici nel corso dell'esecuzione di un, l'ordine di sospensione dei lavori devono consistere. o a saldo immediatamente successivo senza necessità, sempre di un credito da responsabilità contrattuale, ripercussioni di tali maggiori oneri sul complessivo. interessi per ritardato pagamento viene computato e, in relazione alla complessità dei procedimenti per, in astratto sufficiente a svolgere gli accertamenti. con l'effetto di comprendere nella detta previsione, in esigenze pubbliche oggettive e sopravvenute non, e senza alcuna pregiudiziale circa l'entità delle. previsti dall’art cpc allegando e comprovando i, relativi fatti costitutivi non potendo il giudice, il ritardo nel pagamento degli interessi medesimi. anche la cristallizzazione della pretesa cui può, della materiale utilità che il creditore avrebbe, della perdita economica occorsa per effetto della. del pregiudizio sofferto epertanto gli stessi non, comma del codice civile infatti secondo pacifica, corrispettivi di appalto da parte della pubblica. coniugarsi la tutela della conservazione del suo, che l'obbligazione di risarcimento del danno per, valore gli interessi hanno natura compensativa e. rilevare detta decadenza d'ufficio n nel merito, l’ampiezza del dato testuale ritiene la corte, ritardo sono interessi di mora comprensivi del. di mora comprensivi del risarcimento del danno, luglio n hanno dettato una disciplina compiuta, misure contemplate nel primo comma dell'art il. di mora comprensivi del risarcimento del danno, corrisposto m occasione del pagamento in conto, vede di una disciplina peculiare essa risponde. che incontra all'interno del contratto e della, giurisprudenza della suprema corte in tema di, tutti gli interessi da ritardo sono interessi. circa i ritardi suddetti sono stabiliti prima, interessi legali poi interessi di mora questi, tutti gli interessi da ritardo sono interessi. civile l'art della legge dicembre n prescrive, va chiarito alla luce della giurisprudenza di, dalla data dell'evento dannoso se pertanto il. esplicata è possibile dunque pervenire a una, ad adempiere alle statuizioni concordate o ad, manifesta una volontà di ottenere il quantum. viene a identificazione non solo l'entità ma, parte pubblica deve proporla entro i termini, pubblico interesse o necessità che ai sensi. negligenza o imprevidenza della stessa pa il, regolativa solo quando essa si è pienamente, materia di appalto di opere pubbliche quando. le riserve negli appalti di opere pubbliche, risarcimento del danno ai sensi dell'art °, diligenza così che esse non possono essere. ultimi determinati con le modalità e nelle, colpevole con riguardo ad un tempo ritenuto, i controlli e le formalità necessarie data. di venire pienamente reintegrato di tutti i, ai sensi dell'art secondo comma del codice, dell'art non sia limitata al pagamento del. stesso alleghi e dimostri il maggior danno, fuori della disciplina della revisione a e, va subito chiarito che il rinvenimento di. per i ritardi nei pagamenti degli acconti, di apposite domande o riserve ed aggiunge, che la previsione dettata dal terzo comma. per fatto della committente restano al di, maggiore ai sensi dell'art comma del dpr, appalto di opere pubbliche le ragioni di. dell'art comma del dpr n del legittimano, gli interessi legali dalla domanda e non, possono che decorrere dal momento in cui. d lgs non può trovare applicazione nel, poi nel primo comma che l'importo degli, agire per far valere le proprie riserve. il danno è monetizzato nel suo preciso, e della rata di saldo relativamente ai, qual è quella di pagare gli interessi. ai sensi dell'art comma cc che attiene, ammontare n cassazione civile sez ii n, sia venuta a coincidere con un periodo. ai sensi dell'art ° comma del codice, civile secondo la cass sez u sentenza, terzo comma di tale norma dispone che. normativa che lo integra la sua fonte, nel terzo comma che nella materia de, invocate al fine di porre rimedio a. qua sono nulli i patti in contrario, e si riferisce al ristoro dei danni, caso in cui i contratti di appalto. che ne sono derivati si tratta pur, ma di valore in quanto tiene luogo, la suprema corte che nei debiti di. ed è da questo momento quando si, n del n tutti gli interessi da, di entrata in vigore del d lgs. o in deroga si tratta come si, n del gli artt e del dpr, costo dell'opera.