Embed RSS

ARGOMENTO: D.LGS 163.2006. Art. 239 (Transazione)

Lodo Arbitrale, ottobre 2015

[A] Sulla nullità o meno della transazione stipulata tra Stazione Appaltante e appaltatore nel caso in cui preveda la rinegoziazione della durata del contratto. [B] Sulle modalità con le quali la Stazione Appaltante può legittimamente rinunciare alle proprie pretese nell'ambito del rapporto con l'appaltatore al fine di stipulare una valida transazione con quest'ultimo. [C] Sulla possibilità o meno che il ritardo dovuto al fallimento di uno dei soci del concessionario venga ritenuto scusabile ai fini dell'esclusione della penale. [D] Sulle conseguenze e responsabilità contrattuali nel caso di imprevisto geologico che imponga maggiori e/o diverse lavorazioni. [E] Sulla applicazione delle penali nell'ipotesi di ritardo nella conclusione dei lavori

Lodo Arbitrale, aprile 2014


[A] Sulle modalità e sui tempi di iscrizione delle riserve, in particolare in caso di sospensione illegittima dei lavori. [B] Sull'onere di ripetere l'iscrizione della riserva all'interno del registro di contabilità e sull'onere di comunicazione in caso di mancata sottoscrizione del registro. [C] Sulla ratio legis della disciplina inerente l'onere di iscrizione delle riserve. [D] Sui criteri interpretativi da adottare per valutare la portata di un atto transattivo sottoscritto tra Stazione Appaltante e Impresa. [E] Sulle responsabilità della Stazione Appaltante nel caso di carenze progettuali che rendano necessaria la sospensione dei lavori. [F] Sulla legittimità o meno di una sospensione lavori disposta per la necessità o opportunità di predisporre una perizia di variante. [G] Sull'assoggettamento o meno all'onere della tempestiva riserva dell'istanza di maggiori compensi avanzata dall'Impresa per maggiori lavorazioni eseguite a seguito di perizie di variante. [H] Sulla natura e disciplina della penale da ritardo, sull'onere di risoluzione in caso di eccessivo ritardo e sulle ipotesi di disapplicazione della penale stessa da parte della Stazione Appaltante. [I] Sulla sospensione legittima dei lavori e sulla legittimità o meno della sospensione in caso di approvazione di una perizia di variante in corso d'opera. [L] Sulla possibilità di disapplicazione integrale della penale formulata dalla Stazione Appaltante in caso di ritardo

Cassazione Civile, Sez. I, Sent. febbario 2013

[A] Sulle differenze tra atto di approvazione del collaudo e successivo certificato di collaudo, riguardo all'accertamento della conformità dell'opera e al diritto di credito dell'Impresa. [B] Sulla irrinunciabilità degli interessi sui pagamenti di cui all'art. 4 l. n. 741/1981 in corso lavori e sulla rinunciabilità degli stessi nell'ambito di una transazione.

Lodo Arbitrale, luglio 2013

[A] Sulle ipotesi in cui la transazione può avere carattere novativo. [B] Sulla legittimità o meno degli affidamenti globali, con definizione successiva (mediante atti integrativi) del vincolo contrattuale relativamente agli importi successivamente finanziati in eccedenza rispetto a quello originario presunto. [C] Sulla disciplina dell'affidamento unitario e sulla natura dei contratti integrativi stipulati successivamente alla entrata in vigore della disciplina comunitaria in materia di settori esclusi. [D] Sugli effetti prodotti dalla risoluzione del contratto sulle eccezioni di tardività dell'iscrizione delle riserve a parte dell'Appaltatore. [E] Sulla possibilità o meno che la mancanza di risorse finanziarie della Stazione Appaltante possa legittimare la sospensione dei lavori appaltati. [F] Sugli effetti della pronuncia di risoluzione del contratto per grave inadempimento della Stazione Appaltante e sulla necessità o meno di avanzare espressamente le domande restitutorie. [G] Sulla risarcibilità dei costi di immobilizzazione dei mezzi gommati nel caso di anomalo andamento dei lavori in assenza di formale sospensione lavori

Corte Conti, sez. reg. contr. Piemonte, maggio 2012

[A] Sull'onere di iscrizione di tempestiva riserva e sulle conseguenze derivanti dalla omessa o tardiva iscrizione. [B] Sull'onere di motivazione posto a carico della Stazione Appaltante nella deliberazione dell'accordo transattivo ai sensi dell'art. 239 del Codice dei Contratti Pubblici e sul potere di controllo della Corte dei Conti

T.R.G.A. Bolzano, agosto 2013

[A] Sulla nullità o meno dei contratti sottoscritti per corrispondenza da parte della pubblica amministrazione. [B] La transazione, anche rinunciataria, è divenuta un mezzo legittimo per dirimere i conflitti in materia di appalti


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it