Embed RSS

ARGOMENTO: CODICE CIVILE. Art. 1224 (Danni nelle operazioni pecuniarie)

Lodo Arbitrale, ottobre 2015

[A] Sulla ammissibilità o meno del giudizio per il riconoscimento delle riserve avviato dall'Appaltatore prima della sottoscrizione del Conto Finale. [B] Sugli effetti della mancata sottoscrizione con riserva del Conto Finale a conferma delle riserve già iscritte e sulla possibilità o meno che la proposizione del giudizio prima della presentazione del Conto finale da parte della Stazione Appaltante possa essere considerata manifestazione di volontà di confermare le riserve iscritte. [C] Sulle modalità con cui l'appaltatore può dare la prova della propria volontà di non accettare il conto finale. [D] Sulla disciplina della fase transitoria di cui all’art. 1, comma 25, l. n. 190/2012 (il cui comma 19 ha introdotto l'obbligo di preventiva autorizzazione dell'arbitrato) laddove esclude dall’ambito di applicazione dell’emendato art. 241 del d.lgs. 163/2006 gli “arbitrati conferiti o autorizzati” prima del 28/11/2012. [E] Sul regime delle preclusioni nel procedimento arbitrale e sui limiti alla possibilità di ampliare e modificare le domande in corso di giudizio. [F] Sulla inderogabilità e sul necessario integrale riconoscimento degli oneri della sicurezza, anche nel caso di carenze del progetto di gara e delle necessarie varianti in corso d’opera. [G] Sulla necessità o meno per l'Appaltatore di iscrivere formale riserva al fine di ottenere il pagamento degli oneri di sicurezza. [H] Sull'onere della prova posto a carico dell'Appaltatore che richieda il pagamento del credito derivate da ulteriori lavorazioni soggette a detrazione da parte della Stazione Appaltante. [I] Sul dies a quo per il calcolo dei termini suppletivi concessi per la conclusione dei lavori negli atti aggiuntivi. [L] Sul decorso degli interessi sulla rata di saldo e sul momento a partire dal quale sorge il diritto alla riscossione da parte dell'Appaltatore. [M] Sulla sussistenza o meno della giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo per le controversie relative alla compensazione dei prezzi di cui al quarto comma dell’art. 133, d.lg. n. 163/2006 e sull'onere di impugnazione dei relativi provvedimenti posto a carico dell'Appaltatore. [N] Sul calcolo degli interessi moratori per i ritardati pagamenti da parte della Stazione Appaltante. [O] Sulla possibilità o meno per l'Appaltatore di ottenere il risarcimento del maggior danno ai sensi dell'art. 1224, comma 2, c.c., nel caso di ritardati pagamenti da parte della Stazione Appaltante

Lodo Arbitrale, ottobre 2015

Sui limiti e sui presupposti affinché l'impresa possa ottenere il riconoscimento del risarcimento del maggior danno ai sensi dell'art. 1224 cod. civ..

Lodo Arbitrale, ottobre 2015

Sui limiti e sui presupposti affinché l'impresa possa ottenere il riconoscimento del risarcimento del maggior danno ai sensi dell'art. 1224 cod. civ..

Lodo Arbitrale, settembre 2015

[A] Sulla necessità di integrare il contenuto del contratto, e di interpretare lo stesso, sulla base di quanto contenuto nel Capitolato Speciale. [B] Sui limiti alla competenza del Collegio Arbitrale sulle varie domande proposte dall'impresa. [C] Sulla sussistenza o meno della legittimazione attiva dell'impresa per il recupero di crediti oggetto di ordinanza di assegnazione ad un soggetto terzo creditore. [D] Sulla misura degli interessi di mora riconoscibili all'appaltatore nell'ambito di un appalto di servizi e sulla prova necessaria per ottenerne la liquidazione

Lodo Arbitrale, giugno 2015

[A] Sulla responsabilità della Stazione Appaltante in caso di ritardata esecuzione del collaudo. [B] Sulla ammissibilità o meno della prova per testi per dimostrare l'esistenza di contratti d'opera tra Stazione Appaltante e Impresa. [C] Sulla funzione della riserva iscritta in calce al certificato di collaudo. [D] Sulla sussistenza o meno del diritto dell'Impresa ad ottenere il risarcimento delle spese generali in caso di ritardata emissione del collaudo per il periodo di ritardo. [E] Sulla spettanza o meno degli interessi e della rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa a titolo di spese generali. [F] Sulla risarcibilità o meno dell'ulteriore pregiudizio rappresentato dalla mancata disponibilità della somma liquidata a titolo risarcitorio per il ritardo nell'esecuzione del collaudo: prova del danno e concorso dell'Impresa. [G] Sul termine di prescrizione del diritto di credito vantato dall'appaltatore nei confronti della Stazione Appaltante

Lodo Arbitrale, gennaio 2015

[A] Sulla possibilità della Stazione Appaltante di rifiutare l'opera in caso di collaudo negativo. [B] Sugli effetti prodotti dall'inadempimento delle obbligazioni pecuniarie, nel caso in cui il creditore rivesta la qualità di imprenditore commerciale

Lodo Arbitrale, luglio 2014

[A] Sulla efficacia o meno della notifica dell'atto di accesso all'arbitrato all'amministrazione statale, anziché all'Avvocatura dello stato. [B] Sulla interpretazione della clausola compromissoria e sulla natura ricognitiva o meno della clausola stessa che richiami le disposizioni del capitolato generale. [C] Sulla possibilità o meno per il convenuto di declinare la competenza arbitrale laddove la clausola compromissoria contenga un rinvio "dinamico" all'art. 47 del d.P.R. n. 1063 del 1962. [D] Sulla natura processuale o sostanziale della declinatoria arbitrale e, quindi, sulla possibilità o meno che la stessa possa essere esercitata dall'Avvocatura. [E] Sui termini per il deposito di documenti nell'ambito del procedimento arbitrale. [F] Sulla decorrenza degli interessi sulle somme liquidate dal collegio arbitrale e sulla possibilità o meno di qualificare l'iscrizione della riserva come atto di messa in mora. [G] Sui presupposti per la liquidazione del maggior danno ex art. 1224, secondo comma, c.c.

Lodo Arbitrale, settembre 2014

[A] Sulla tardività o meno della eccezione di incompetenza del Collegio Arbitrale sollevata per la prima volta con la comparsa conclusionale. [B] Sui presupposti per la legittima applicazione della penale prevista per la ritardata ultimazione dei lavori e sugli accertamenti necessari. [C] Sulla possibilità o meno che la riserva iscritta dall'Impresa possa costituire messa in mora e sulla decorrenza di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa a titolo risarcitorio. [D] Sui limiti all'applicazione degli artt. 29 e 30 D.M. n. 145/2000, che attribuiscono all'appaltatore il diritto alla corresponsione di interessi di mora in varia misura e con varie decorrenze in caso di ritardo della P.A.. [E] Sui limiti alla spettanza della rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa e sull'onere della prova per la liquidazione del maggior danno ex art. 1224 comma 2 cod. civ.

Lodo Arbitrale, settembre 2013

[A] Sui requisiti necessari affinché la domanda di indebito arricchimento proposta contro la Pubblica Amministrazione possa essere accolta e sulla giurisdizione a decidere di tale domanda. [B] Sulla ripartizione dell'onere della prova in materia contrattuale per definire la fondatezza delle domande tra Stazione Appaltante e Impresa. [C] Sulla risarcibilità o meno del maggior danno da svalutazione monetaria richiesto dall'Impresa ai sensi dell'art. 1224, comma 2, c.c., con particolare riguardo all'onere della prova necessario all'accoglimento di tale domanda

Lodo Arbitrale, maggio 2014

[A] Sul regime delle preclusioni nel procedimento arbitrale. [B] Sulla giurisprudenza in merito agli effetti prodotti dall'annullamento dell'aggiudicazione definitiva o dal mancato esperimento della fase di evidenza pubblica sul contratto stipulato. [C] Sulla responsabilità precontrattuale della Stazione Appaltante laddove concluda una procedura di affidamento di lavori senza mai stipulare il relativo contratto a causa dell'omessa verifica sulla sussistenza della relativa copertura finanziaria. [D] Sulla natura e sulle caratteristiche del c.d. "contratto normativo". [E] Sulla spettanza o meno della rivalutazione monetaria sui crediti riportati da fatture dell'Impresa scadute e non pagate e su calcolo e prova per il riconoscimento del maggior danno di cui all'art. 1224 c.c., comma 2. [F] Sui requisiti di ammissibilità della domanda riconvenzionale

Lodo Arbitrale, marzo 2014

[A] Sulla possibilità o meno di utilizzare in giudizio una CTU resa in altro giudizio. [B] Sulla legittimazione ad agire delle mandanti di una RTI e sugli effetti prodotti dal fallimento della mandataria. [C] Sull'istituto della revisione prezzi e sugli strumenti di riequilibrio in caso di esecuzione anticipata dei lavori. [D] Sull'istituto della revisione prezzi e sulla necessità di parametrarlo al programma "teorico" dei lavori o all'effettivo svolgimento degli stessi. [E] Sugli interessi applicabili al compenso revisionale (riconosciuto a titolo di revisione prezzi) e sulla applicabilità o meno della rivalutazione monetaria. [F] Sulla risarcibilità del danno ulteriore e sull'onere della prova. [G] Sui limiti all'ammissibilità dell'azione di arricchimento senza causa ex art. 2042 cod. civ.

Lodo Arbitrale, gennaio 2014

[A] Sulla responsabilità del ritardato pagamento che sia dipeso da circostanze non imputabili all'amministrazione committente. [B] Sulla possibilità o meno per le parti di derogare alla disciplina legale sugli interessi per ritardati pagamenti negli appalti pubblici e sulla interpretazione delle clausole contrattuali sul punto. [C] Sui termini di emissione del certificato di pagamento e sugli interessi dovuti in caso di ritardo. [D] Sui termini di esecuzione dell'effettivo pagamento a seguito dell'emissione del certificato e sugli interessi applicabili in caso di ritardo

Lodo Arbitrale, gennaio 2014

[A] Sul momento in cui sorge l'obbligo al pagamento da parte della Stazione Appaltante nel caso di lavori di somma urgenza e sulla possibilità che tale obbligo sorga solo a seguito dell'approvazione dell'impegno di spesa. [B] Sulla spettanza, sul calcolo e sulla misura degli interessi legali e moratori dovuti per ritardato pagamento della Stazione Appaltante

Lodo Arbitrale, luglio 2013

[A] Sulle ipotesi in cui vi può essere litispendenza tra il giudizio avviato dinanzi al Giudice ordinario e il giudizio avviato contestualmente davanti al collegio arbitrale. [B] Sulla possibilità o meno che il pagamento del corrispettivo dovuto all'appaltatore possa essere subordinato all'erogazione del finanziamento da parte dell'ente finanziatore. [C] Sull'applicazione degli interessi legali e moratori nel caso di ritardato pagamento degli acconti e del saldo, secondo quanto previsto dagli artt. 143 e 144 del d.P.R. 207/10.

Lodo Arbitrale, luglio 2013

[A] Sulla evoluzione normativa della disciplina in merito alle conseguenze dei ritardati pagamenti da parte della Stazione Appaltante. [B] Sulla responsabilità o meno della Stazione Appaltante per i ritardi nei pagamenti dovuti a responsabilità dell'Ente finanziatore dell'opera pubblica. [C] Sui limiti e sulle condizioni per il riconoscimento all'appaltatore degli interessi anatocistici per il ritardato pagamento dei corrispettivi dovuti dalla Stazione Appaltante

Cassazione Civile, Sez. I., giugno 2012

[A] Sulla legittimità o meno della risoluzione disposta dalla Stazione Appaltante in ragione della accertata inosservazna del termine fissato per la conclusione dei lavori. [B] Sulla possibilità o meno che il ritardo nella consegna dei lavori per fatto imputabile all'Amministrazione comporti l'automatico differimento del termine per l'ultimazione dell'opera. [C] Sugli interessi applicabili alle somme liquidate a titolo di corrispettivo dell'appalto

Lodo Arbitrale, marzo 2013

[A] Sulla possibilità o meno per la parte citata nel procedimento arbitrale di eccepire l'incompetenza del collegio arbitrale laddove abbia nominato il proprio arbitro ovvero nel caso in cui abbia partecipato alla nomina del presidente del Collegio arbitrale. [B] Sui criteri interpretativi della clausola compromissoria. [C] Sulla tempestività o meno della domanda di risarcimento introdotta dall'impresa nelle memorie endoprocedimentali relativamente a riserve iscritte successivamente alla proposizione della domanda di arbitrato e sulla possibilità o meno per il Collegio di valutarle (emendatio o mutatio libelli). [D] Sul calcolo di interessi e rivalutazione monetaria nel caso di condanna della stazione appaltante per un importo qualificabile come debito di valore

Lodo Arbitrale, marzo 2013

[A] Sulla necessità o meno per l'appaltatore di ritrascrivere integralmente le riserve sul conto finale ai fini di evitare la decadenza dalla stesse e sulla sufficienza di un mero richiamo alle riserve già iscritte. [B] Sulla ipotesi in cui la sospensione lavori può ritenersi legittima, in particolare sulla legittimità o meno della sospensione disposta per la disponibilità parziale delle aree e sulla rilevanza o meno della accettazione parziale delle opere da parte dell'Appaltatore. [C] Sulla giurisdizione del giudice amministrativo riguardo al diritto alla revisione prezzi e all'aggiornamento prezzi nei pubblici appalti e sulle differenze rispetto alla domanda di risarcimento danni avanzata dall'appaltatore per il maggior costo delle materie prime sostenuto per effetto del ritardo nell'esecuzione dei lavori. [D] Sull'onere della prova posto a carico dell'impresa che richieda il risarcimento dei danni per il maggior costo delle materie prime sostenuto per effetto del ritardo nell'esecuzione dei lavori. [E] Sulla fondatezza o meno della richiesta di condanna alla corresponsione degli interessi legali e moratori di cui agli artt. 29 e ss. del D.M. 19/04/2000 n. 145 avanzata dall'Appaltatore per il ritardo della Stazione Appaltante nella contabilizzazione e/o pagamento del corrispettivo di appalto. [F] Sulla disciplina contenuta nell'ultimo comma dell'art. 30 del D.M. 19/04/2000 n. 145 e sulla possibilità o meno di liquidare il maggior danno ai sensi dell'articolo 1224 secondo comma cod. civ.. [G] Sulla fondatezza o meno della pretesa risarcitoria dell'Appaltatore relativa alla perdita di chance ovvero nell'impossibilità di migliorare i propri requisiti curriculari (SOA) in ragione della mancata certificazione dell'avvenuta esecuzione dell'opera

Lodo Arbitrale, marzo 2013

[A] Sull'onere dell'Impresa di iscrivere tempestiva riserva e sulla necessità o meno di farlo nel caso di pretese attinenti il ritardato pagamento degli acconti, del saldo o della revisione dei prezzi. [B] Sulla spettanza o meno all'Appaltatore del risarcimento del "maggior danno" per svalutazione monetaria, ai sensi dell'art, 1224 comma 2 c.c., sul ritardato pagamento di somme dovute a titolo di corrispettivo (debiti di valuta) e sull'onere della prova posto a carico dell'Impresa. [C] Sulla spettanza o meno di un corrispettivo per l'Appaltatore per "improvviso ed inaspettato aumento del costo del gas metano". [D] Sulla presunzione di inadempimento del debitore di cui all'art. 1218 cod. civ., sull'onere della prova in merito all'an e al quantum del danno subito in caso di ritardo nell'adempimento di una prestazione contrattuale. [E] Sulla possibilità o meno per il Collegio di valutare il danno lamentato dall'impresa in ragione dell'inadempimento contrattuale della Stazione Appaltante e sulla quantificazione del danno curriculare

Corte d'Appello di Firenze, luglio 2012

[A]Sulla decadenza dell'azione per decorso del termine concesso all'’appaltatore per far valere le riserve ai sensi dell'art. 47 del d.P.R. n. 1063 del 1962. [B] Sui limiti alla possibilità del Collegio giudicante di liquidare il danno in via equitativa ai sensi dell'art. 1226 cod. civ.. [C] Sulla natura dell'equo compenso di cui all'art. 1664 cod. civ.. [D] Sull'onere della prova posto a carico del creditore laddove richieda il pagamento degli interessi moratori per ritardato pagamento. [E] Sui limiti alla applicabilità degli interessi di mora di cui di cui agli artt. 35 e 36 del Capitolato Generale delle opere pubbliche, approvato con D.P.R. 16 luglio 1962, n. 1063

Lodo Arbitrale, ottobre 2012

[A] Sulla ammissibilità o meno della testimonianza del direttore lavori nell'ambito del procedimento arbitrale tra Stazione Appaltante e Appaltatore. [B] Sulla legittimità o meno della sospensione dei lavori disposta dalla Stazione Appaltante per adeguarsi a una norma ambientale già in vigore da tempo. [C] Sui danni risarcibili all'Appaltatore in caso di illegittima sospensione dei lavori: spese generali, modalità di calcolo delle stesse. [D] Segue: vincolo di fideiussioni. [E] Sulla spettanza o meno di interessi e rivalutazione sulle somme liquidate dal Collegio a titolo di danno per responsabilità contrattuale. [F] Sulla decorrenza degli interessi nelle ipotesi di danni da illegittima sospensione dei lavori. [G] Sull'indice di rivalutazione applicabile. [H] Sulla spettanza o meno del maggior danno da svalutazione del credito, per il periodo di tempo corrispondente alla mancata corresponsione delle somme dovute a titolo di corrispettivo

Lodo Arbitrale, settembre 2012

[A] Sulla possibilità o meno che la clausola compromissoria contenuta in un disciplinare di incarico possa ritenersi invalida e inefficace, in quanto non formalizzata nei modi inderogabilmente richiesti per le cc.dd. clausole vessatorie dall'art. 1341 c.c.. [B] Sulla ammissibilità o meno della CTU finalizzata a valutare il quantum del compenso professionale richiesto dal professionista incaricato e sui criteri considerati dal collegio per tale valutazione. [C] Sulla spettanza o meno della rivalutazione monetaria sui crediti per onorari del professionista e sull'onere della prova sul punto. [D] Sulla spettanza o meno degli interessi moratori ex d.lgs. n. 231 del 2002 sugli onorari del professionista e sulla decorrenza degli stessi

Lodo Arbitrale, aprile 2012

[A] Sulla fondatezza della eccezione di incompetenza arbitrale nel caso di nomina dell'arbitro da parte di chi solleva l'eccezione. [B] Sulla competenza o meno del Collegio Arbitrale a decidere delle domande riconvenzionali avanzate dalla Stazione Appaltante nei confronti dell'Appaltatore in stato di insolvenza ammesso a procedura di Amministrazione Straordinaria. [C] Sulla qualificazione e sulla fondatezza della domanda finalizzata ad ottenere il risarcimento dei maggiori oneri sostenuti per l'incremento del costo del petrolio a causa della maggior durata dell'appalto. [D] Sulla legittimità o meno della sospensione dei lavori dovuta a problemi derivanti da caratteristiche geognostiche del suolo su cui l'opera deve sorgere, laddove il progetto esecutivo sia realizzato dall'impresa. [E] Sulla configurabilità o meno di un obbligo in capo all'appaltatore di effettuare una indagine sulla natura e consistenza del suolo edificatorio. [F] Sulla sussistenza o meno di un onere in capo alla Stazione Appaltante di elaborazione di varianti in corso d'opera. [G] Sulla validità o meno dell'atto di risoluzione assunto dalla Stazione Appaltante nei confronti dell'Appaltatrice per la quale sia già stato dichiarato lo stato di insolvenza prodromico alla ammissione alla procedura di Amministrazione Straordinaria. [H] Sulla prova dei fatti non oggetto di specifica contestazione, a seguito della modifica normativa apportata dalla L. n. 69 del 2009 al testo dell'art. 115 cod. proc. civ. in materia di disponibilità delle prove. [I] Sulla liquidazione di interessi e maggior danno ex art. 1224, comma 2 c.p.c. sulle somme liquidate a titolo di mancato pagamento di lavori

Lodo Arbitrale, gennaio 2012

[A] Sulla disciplina legislativa delle riserve dal 1895 ad oggi. [B] Sugli obblighi posti in capo all'appaltatore per la corretta e tempestiva iscrizione delle riserve. [C] Sulla sussistenza o meno di un onere di tempestiva iscrizione della riserva con riferimento al ritardo nel pagamento dei s.a.l. da parte della Stazione Appaltante. [D] Sulla sussistenza o meno di un onere di tempestiva iscrizione della riserva con riferimento all'eventuale revisione dei prezzi. [E] Sulle differenze tra CTU deducente e CTU percipiente delineate dalla recente giurisprudenza e sulle differenze in tema di ammissibilità della consulenza. [F] Sul rapporto tra Consulenza Tecnica d'Ufficio (CTU) e onere della prova posto a carico delle parti. [G] Sul momento da cui decorre il termine per iscrivere riserva nel caso di diniego a legittime richieste di variante progettuale per l'approvvigionamento di inerti di cava da siti più lontani rispetto a quelli previsti in contratto. [H] Sulla tempestività dell'iscrizione della riserva conseguente ai c.d. fatti continuativi, come quelli prodotti da una causa costante quale la sospensione dei lavori. [I] Sui limiti alla responsabilità della stazione appaltante riguardo al mantenimento in cantiere di un'organizzazione produttiva di uomini e mezzi eccedente a quella necessaria. [L] Sulla possibilità o meno che le riserve iscritte da parte dell'appaltatore equivalgano a costituzione in mora secondo il regime civilistico ai fini del decorso degli interessi. [M] Sull'onere della prova e sulla misura del maggior danno richiesto dall'appaltatore ai sensi dell'art. 1224, comma 2, c.c.. [N] Sulla risarcibilità o meno, per quanto attiene i crediti di valore, del nocumento finanziario subito dall'Imprenditore a causa della mancata disponibilità delle somme di denaro dovute a titolo di risarcimento. [O] Sull'onere o meno di avanzare specifica domanda per la liquidazione degli interessi anatocistici

Lodo Arbitrale, febbraio 2012

[A] Sulle caratteristiche che il Collegio deve verificare per valutare se una transazione raggiunta dalle parti abbia carattere novativo del rapporto oppure no. [B] Sulle modalità di liquidazione di interessi e rivalutazione monetaria per crediti di valore. [C] Sulle modalità di liquidazione di interessi per crediti aventi natura di corrispettivo del credito liquidato. [D] Sulla possibilità o meno che il maggior danno ex art. 1224 cod. civ. possa essere riconosciuto nel caso in cui siano stati liquidati gli interessi legali e di mora previsti dagli art. 33 e ss. D.P.R. 1063/1962


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it