Embed RSS

ARGOMENTO: D.P.R. 207.2100. Art. 160, comma 3 (Sospensione illegittima - Altre voci di danno). Art. 25 145.00

Lodo Arbitrale, ottobre 2015

[A] Sul diritto all'indennizzo a favore dell'appaltatore nel caso di sospensioni illegittime dei lavori. [B] Sulle voci di danno risarcibile: spese generali. [C] Segue: ammortamento mezzi e macchinari. [D] Segue: mantenimento passivo di fideiussioni e assicurazioni. [E] Segue: lucro cessante

Lodo Arbitrale, settembre 2014

[A] Sulla disciplina contenuta nell'art. 241, comma 1, del codice in merito alla necessità della preventiva autorizzazione da parte dell'organo di governo dell'amministrazione per l'inserimento di clausole compromissorie in bandi, avvisi e inviti e per il ricorso all'arbitrato, nonché sulla interpretazione da dare alla norma transitoria contenuta nel comma 25 dell'art. 1 L. n. 190/2012. [B] Sulla possibilità o meno di liquidare in via equitativa il risarcimento richiesto dall'Imprea per maggiori oneri conseguenti all'illegittimo protrarsi della sospensione dei lavori. [C] Sulla sussistenza o meno dell'onere di tempestiva iscrizione di riserva per la corresponsione degli interessi per ritardato pagamento da parte della Stazione Appaltante. [D] Sulla prova necessaria all'accoglimento della domanda di danno per necessità di ricorrere al credito bancario formulata dall'Impresa per mancato pagamento dei corrispettivi da parte della Stazione Appaltante. [E] Sull'obbligo o meno per il cessionario dell'azienda di rispondere delle penali imputabili al titolare dell'azienda ceduta ammessa al concordato preventivo. [F] Sul potere di dichiarare l'illegittima applicazione delle penali ad opera del Collegio Arbitrale

Lodo Arbitrale, febbraio 2014

[A] Sugli adempimenti necessari alla corretta iscrizione delle riserve e sugli effetti prodotti dalla mancata messa a disposizione dei documenti dell'appalto all'appaltatore riguardo alla tempestività delle riserve. [B] Sulla tempestività o meno della riserva iscritta sul verbale di ripresa lavori nel caso di sospensione illegittima degli stessi. [C] Sulle ipotesi di legittima sospensione dei lavori. [D] Sui danni risarcibili nel caso di maggior durata dell'appalto a causa della sospensione illegittima. [E] Sul calcolo di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate a titolo di risarcimento del danno per illegittima sospensione lavori

Lodo Arbitrale, marzo 2013

[A] Sulla necessità o meno per l'appaltatore di ritrascrivere integralmente le riserve sul conto finale ai fini di evitare la decadenza dalla stesse e sulla sufficienza di un mero richiamo alle riserve già iscritte. [B] Sulla ipotesi in cui la sospensione lavori può ritenersi legittima, in particolare sulla legittimità o meno della sospensione disposta per la disponibilità parziale delle aree e sulla rilevanza o meno della accettazione parziale delle opere da parte dell'Appaltatore. [C] Sulla giurisdizione del giudice amministrativo riguardo al diritto alla revisione prezzi e all'aggiornamento prezzi nei pubblici appalti e sulle differenze rispetto alla domanda di risarcimento danni avanzata dall'appaltatore per il maggior costo delle materie prime sostenuto per effetto del ritardo nell'esecuzione dei lavori. [D] Sull'onere della prova posto a carico dell'impresa che richieda il risarcimento dei danni per il maggior costo delle materie prime sostenuto per effetto del ritardo nell'esecuzione dei lavori. [E] Sulla fondatezza o meno della richiesta di condanna alla corresponsione degli interessi legali e moratori di cui agli artt. 29 e ss. del D.M. 19/04/2000 n. 145 avanzata dall'Appaltatore per il ritardo della Stazione Appaltante nella contabilizzazione e/o pagamento del corrispettivo di appalto. [F] Sulla disciplina contenuta nell'ultimo comma dell'art. 30 del D.M. 19/04/2000 n. 145 e sulla possibilità o meno di liquidare il maggior danno ai sensi dell'articolo 1224 secondo comma cod. civ.. [G] Sulla fondatezza o meno della pretesa risarcitoria dell'Appaltatore relativa alla perdita di chance ovvero nell'impossibilità di migliorare i propri requisiti curriculari (SOA) in ragione della mancata certificazione dell'avvenuta esecuzione dell'opera

Lodo Arbitrale, febbraio 2013

[A] Sulla applicabilità o meno di rivalutazione e interessi sulla somma liquidata a titolo di risarcimento per i pregiudizi derivanti dalla illegittima sospensione dei lavori. [B] Sulla validità o meno dell'atto con cui l'Impresa rinunci a qualsiasi pretesa ulteriore e sulla nullità qualora sia preventiva e riguardi pretese future. [C] Sulla legittimità o meno del rifiuto opposto dalla Stazione Appaltante a compensare i maggiori costi di opere eseguite in conformità al progetto ma a costi superiori rispetto a quelli previsti nell'elenco prezzi. [D] Sulla applicabilità dell'istituto dell'indebito arricchimento di cui all'art. 2041 cod. civ. agli appalti pubblici e sui limiti del risarcimento ottenibile dall'impresa. [E] Sulle ipotesi in cui l'appaltatore che abbia eseguito variazioni arbitrarie ha diritto di richiedere il relativo aumento del corrispettivo. [F] Sull'onere del Direttore dei lavori di contestare immediatamente la tardività di eventuali riserve e sulla possibilità o meno che la mancata contestazione comporti la decadenza per la Stazione Appaltante di sollevare la questione nel successivo giudizio

Lodo Arbitrale, novembre 2012

[A] Sull'onere di iscrizione di riserva per far valere pretese di maggiori compensi. [B] Sull'onere di immediata contestazione della illegittimità della sospensione dei lavori disposta dalla Stazione Appaltante, ai sensi dell'art. 133, comma 8 del regolamento. [C] Sull'onere di iscrizione di tempestiva riserva e di successiva esplicazione nel caso di pregiudizi conseguenti a c.d. "fatti continuativi". [D] Sulla legittimità o meno della sospensione lavori disposta in ragione della scadenza della convenzione e sulla competenza del direttore dei lavori o del responsabile del procedimento a disporre la sospensione dei lavori ai sensi dell'art 133 del DPR n. 534 del 1999. [E] Sulla legittimità o meno della sospensione dei lavori disposta dalla Stazione Appaltante a causa della temporanea carenza di fondi. [F] Sui limiti alla possibilità di far valere la compensazione giudiziale di cui all'art 1243 c.c. nell'ambito del rapporto tra Appaltatore e Stazione Appaltante. [G] Sui danni risarcibili all'Appaltatore nel caso venga accertata l'illegittimità della sospensione lavori disposta dalla Stazione Appaltante. [H] Segue: spese generali. [I] Segue: improduttivo vincolo macchine ed attrezzature di cantiere, onere della prova e quantificazione. [L] Segue: improduttivi oneri di custodia e manutenzione del cantiere, onere della prova e quantificazione anche in via equitativa. [M] Segue: mancato utile. [N] Segue: maggiori oneri polizze fidejussorie. [O] Segue: interessi e rivalutazione monetaria

Lodo Arbitrale, ottobre 2012

[A] Sulla ammissibilità o meno della testimonianza del direttore lavori nell'ambito del procedimento arbitrale tra Stazione Appaltante e Appaltatore. [B] Sulla legittimità o meno della sospensione dei lavori disposta dalla Stazione Appaltante per adeguarsi a una norma ambientale già in vigore da tempo. [C] Sui danni risarcibili all'Appaltatore in caso di illegittima sospensione dei lavori: spese generali, modalità di calcolo delle stesse. [D] Segue: vincolo di fideiussioni. [E] Sulla spettanza o meno di interessi e rivalutazione sulle somme liquidate dal Collegio a titolo di danno per responsabilità contrattuale. [F] Sulla decorrenza degli interessi nelle ipotesi di danni da illegittima sospensione dei lavori. [G] Sull'indice di rivalutazione applicabile. [H] Sulla spettanza o meno del maggior danno da svalutazione del credito, per il periodo di tempo corrispondente alla mancata corresponsione delle somme dovute a titolo di corrispettivo

Lodo Arbitrale, aprile 2012

[A] Sui termini per l'esame delle riserve che, in ragione del valore o del tempo di insorgenza, non sono state oggetto della procedura di accordo bonario e sul termine di decadenza della successiva eventuale azione giudiziale e/o arbitrale. [B] Sul potere di rappresentanza processuale della mandataria dell'ATI e sulla necessità o meno della preventiva autorizzazione al giudizio da parte delle mandanti. [C] Sulla legittimità o meno del provvedimento di sospensione dei lavori adottato dalla Stazione Appaltante a seguito di proposizione di ricorso al TAR da parte di un terzo. [D] Sulle singole voci di danno risarcibili in caso di illegittima sospensione dei lavori da parte della Stazione Appaltante e sulle norme di riferimento per la loro quantificazione. [E] Sulle modalità di calcolo dell'importo dei lavori da porre a base di calcolo per la quantificazione del danno da spese generali infruttifere e da mancato utile. [F] Sul danno risarcibile per mancato utilizzo dei macchinari in caso di anomalo andamento dei lavori dovuto a responsabilità della stazione appaltante

Lodo Arbitrale, novembre 2011

[A] Sulla configurabilità o meno di un grave inadempimento della Stazione Appaltante ove la medesima non si sia attivata per approvare una perizia di variante al progetto laddove abbia riscontrato l'inadeguatezza del progetto stesso. [B] Sui danni risarcibili in caso di sospensione illegittima dei lavori cui è conseguita la risoluzione del contratto per inadempimento: Spese generali. [C] Segue: danno da perdita di chance lavorative, in particolare sull'onere della prova. [D] Segue: oneri per garanzia fideiussoria. [E] Sulla risarcibilità o meno del mancato guadagno dell'impresa nel caso in cui il Collegio dichiari la risoluzione del conratto per inadempimento della Stazione Appaltante. [F] Sulla possibilità o meno di applicare sulle somme liquidate all'Impresa a titolo risarcitorio interessi legali, di mora, da ritardata contabilizzazione o pagamento, anche anatocistici, nonché rivalutazione monetaria

Lodo Arbitrale, giugno 2011

[A] Sul’individuazione del momento in cui sorge l’onere di iscrizione della riserva in capo all’appaltatore. [B] Sulla natura dell’onere posto a carico della Stazione Appaltante di predisporre varianti in corso d’opera e sui tempi delle medesime. [C] Sui danni risarcibili in caso di illegittima sospensione dei lavori per responsabilità della Stazione Appaltante: Spese Generali. [D] Segue: sulla prova necessaria a quantificare il danno da ridotta utilizzazione del personale. [E] Segue: sulla prova necessaria a quantificare il costo improduttivo dei macchinari. [F] Segue: sulla spettanza o meno del risarcimento per maggiori spese direttive. [G] Segue: sulla spettanza o meno del risarcimento per i maggiori costi subiti per il prolungato vincolo delle polizze fideiussorie. [H] Segue: sulla spettanza o meno del risarcimento per i maggiori costi per spese di esercizio e gestione. [I] Sull’entità delle maggiori opere eseguite rispetto al contratto, affinché le stesse debbano necessariamente essere indennizzate e sulla misura dell’indennizzo dovuto all’Impresa. [L] Sulla risarcibilità o meno dei danni subiti dall’impresa a causa della la ritardata protrazione del collaudo, sull’onere della prova e sull’entità dei danni risarcibili

Lodo Arbitrale, maggio 2011

[A] Sulla possibilità o meno per l’Amministrazione di declinare la competenza arbitrale, da quando la competenza arbitrale in materia di appalti pubblici è divenuta facoltativa. [B] Sulla possibilità o meno che la concorde nomina del terzo arbitro venga interpretata come accettazione della devoluzione della controversia in arbitri, facendo venir meno la possibilità di successive contestazioni sul punto. [C] Sulla sussistenza o meno della responsabilità della Stazione Appaltante per la ritardata approvazione della necessaria perizia di variante e sulla possibilità o meno che l’Impresa possa procedere in sede esecutiva ad apportare le variazioni al progetto ritenute necessarie. [D] Sulla risarcibilità o meno dei danni in caso di allungamento dei tempi contrattuali e sul loro quantum: Spese generali. [E] Segue: sulla distinzione tra spese generali fisse e spese generali variabili e sull’incidenza che tale distinzione produce sulla loro risarcibilità. [F] Segue: sulla risarcibilità o meno del mancato utile. [G] Segue: sulla risarcibilità o meno del vincolo di attrezzature e mezzi. [H] Segue: sulla risarcibilità o meno degli oneri per il protratto vincolo di personale fisso. [I] Segue: sulla risarcibilità o meno delle “spese fisse”, per canoni, tasse di circolazione, assicurazione mezzi, ecc... [L] Sul riconoscimento e sulla misura della rivalutazione monetaria

Lodo Arbitrale, dicembre 2010

[A] Sulla natura decadenziale o meno del termine di 30 giorni dalla data di notifica della domanda di arbitrato per esercitare la facoltà concessa all’attore di declinare la competenza arbitrale, ai sensi dell'art. 47 del Capitolato generale. [B] Sulla idoneità o meno di un atto contenente l'intenzione di esercitare il diritto spettante al dichiarante, senza “richieste o intimazioni”, di costituire atto interruttivo della prescrizione. [C] Sull’effetto interruttivo della prescrizione dato dall’ammissione dell’esistenza del debito e sulla prova necessaria. [D] Sui requisiti necessari affinché la sospensione dei lavori da parte della Stazione Appaltante possa ritenersi legittima. [E] Sulla legittimità o meno della sospensione lavori disposta dalla Stazione Appaltante per la predisposizione e approvazione di una perizia di variante. [F] Sulla tempestività o meno della riserva apposta nel verbale di ripresa dei lavori, avverso la sospensione dei lavori originariamente legittima, divenuta solo successivamente illegittima. [G] Sulla risarcibilità o meno delle spese generali in caso di illegittima sospensione dei lavori e sulla misura del danno risarcibile. [H] Sull’entità del danno risarcibile per maggiori oneri di gestione e conduzione di cantiere, in ipotesi di sospensione lavori particolarmente lunga

Lodo Arbitrale, ottobre 2010

[A] Sulla configurabilità o meno del ritardo nell'approvazione della perizia di variante tra i c.d. fatti continuativi che determinano l’anomalo andamento dei lavori appaltati e sulla esistenza o meno dell’onere dell’iscrizione della riserva immediatamente. [B] Sulla risarcibilità o meno delle spese generali sostenute dall’Impresa in caso di anomalo andamento dei lavori e sulla quantificazione delle stesse. [C] Sulla risarcibilità o meno dei costi improduttivamente sostenuti per il personale in caso di andamento anomalo dei lavori e sulla possibilità di calcolare anche le spese per il personale impiegatizio e per consulenze. [D] Sulla risarcibilità o meno dei maggiori oneri e danni correlati all'improduttivo vincolo delle attrezzature e dei mezzi in caso di andamento anomalo dei lavori. [E] Sulla risarcibilità o meno del mancato utile dell’Impresa nel caso di anomalo andamento dei lavori e sull’entità del danno risarcibile. [F] Sulla riconoscibilità o meno degli interessi compensativi e della rivalutazione monetaria sugli importi liquidati dal Collegio per risarcimento delle varie voci di danno derivanti da anomalo andamento dei lavori e sul dies a quo per il calcolo. [G] Sulla risarcibilità o meno del pregiudizio conseguente alla variazione media dei prezzi intervenuta nel periodo di maggiore durata del vincolo contrattuale

Lodo Arbitrale, novembre 2010

[A] Sulla applicabilità o meno della clausola compromissoria sottoscritta tra le parti successivamente alla stipulazione del contratto di appalto in cui, viceversa, era prevista la competenza esclusiva del Giudice Ordinario. [B] Sulla fondatezza o meno della declinatoria a favore del Giudice Ordinario avanzata dalla Stazione Appaltante in sede di arbitrato avviato dall’Impresa sulla base di una clausola compromissoria stipulata dopo l’entrata in vigore dell’art. 32, della legge n. 109 del 1994, come riformato dalla sentenza 152/96 della Corte Costituzionale. [C] Sull’atto idoneo a determinare la pendenza del giudizio arbitrale, e a costituire il dato utile ai fini dell’individuazione del giudice preventivamente adito. [D] Sulla procedibilità o meno dell’arbitrato in caso di mancata conclusione del procedimento di cui all’art. 31 bis della legge n. 109/94. [E] Sulla procedibilità o meno dell’arbitrato nel caso in cui sia ancora in corso il collaudo delle opere eseguite nell’ambito dell’appalto. [F] Sulla possibilità o meno di modificare le domande proposte con l’atto introduttivo dell’arbitrato ovvero di introdurne di completamente nuove nel corso dell’arbitrato. [G] Sugli effetti prodotti dalla pronuncia giudiziale di risoluzione del contratto sui provvedimenti resi dalla Stazione appaltante dopo il verificarsi dell’evento che ha determinato la risoluzione. [H] Sulla legittimità o meno della pretesa da parte della Stazione Appaltante di una rinuncia preventiva dell’Impresa alle proprie pretese attraverso la sottoscrizione di un atto di sottomissione. [I] Sulla applicabilità o meno dei criteri per la quantificazione del danno da sospensione illegittima dei lavori di cui all’art. 25 del Capitolato Generale d’Appalto (approvato con D.M. 19/4/2000 n.145), anche ai contratti stipulati prima della sua entrata in vigore. [L] Sulle differenze in ordine all’onere della prova per il risarcimento del danno da mancato ammortamento macchinari e da mancato ammortamento macchinari presi a noleggio da terzi. [M] Sulla risarcibilità o meno dei maggiori oneri sostenuti dall’Impresa per le più lunghe percorrenze nel trasporto dei rifiuti in discarica diversa da quella originariamente indicata. [N] Sulla risarcibilità o meno degli oneri sopportati dall’Impresa per lo stoccaggio provvisorio nell’area di cantiere dei materiali provenienti dagli scavi e non utilizzabili, in caso di silenzio prestato dalla Stazione Appaltante alle richieste di conferimento in discarica. [O] Sulla giurisdizione del Collegio in merito alla richiesta di risarcimento per revisioni prezzi asseritamente dovuta e non pagata dalla Stazione Appaltante in relazione alla parte di lavori eseguita. [P] Sulla risarcibilità o meno e sulla quantificazione del mancato utile per i lavori non eseguiti per colpa della Stazione Appaltante. [Q] Sulla risarcibilità o meno del valore venale dell’opera eseguita dall’Impresa nel caso di risoluzione di un contratto di appalto per cause imputabili alla Stazione Appaltante, stante l’impossibilità di restituire l’opus parzialmente eseguito dall’appaltatore adempiente. [R] Sulla risarcibilità o meno del danno arrecato alla immagine professionale dell’Impresa dall’illegittimo provvedimento di esecuzione d’ufficio in danno adottato dalla Stazione Appaltante. [S] Sul riconoscimento o meno degli interessi moratori e della rivalutazione monetaria sulle somme dovute all’Impresa per inadempimento contrattuale della Stazione Appaltante e sulle modalità di calcolo. [T] Sulla applicabilità o meno delle disposizioni degli artt. 35 e 36 del capitolato generale delle opere pubbliche, approvato con D.P.R. 16 luglio 1962, n. 1063, in tema di interessi moratori, nel caso in cui la Stazione Appaltante abbia contestato, più o meno fondatamente, la spettanza dell’intero prezzo

Lodo Arbitrale, ottobre 2010

[A] Sui danni risarcibili a favore dell’appaltatore nel caso di forzata sospensione dell’esecuzione dell’appalto causata dall’Amministrazione appaltatrice. [B] Sulla autonoma riconoscibilità o meno a titolo di risarcimento del danno degli oneri per il responsabile del cantiere e per il contabile dei lavori

Lodo Arbitrale, novembre 2010

Sui criteri di quantificazione del danno per sconvolgimento dei tempi contrattuali quanto alle maggiori spese generali, al fermo dei mezzi e attrezzature, al mancato utile di impresa ed agli ulteriori oneri finanziari

Lodo Arbitrale, marzo 2010

[A] Sul danno all’appaltatore per illegittima sospensione lavori relativo all’inutilizzo di mezzi e attrezzature qualora questi siano stati presi a noleggio. [B] Sui macchinari da non considerare utili e direttamente utilizzabili per la produzione (automobili, furgoni e simili), nonché sulle attrezzature minute (strumentazioni topografiche, attrezzature di misura, ecc.) [C] Sui costi improduttivi connessi agli immobili presi in locazione a servizio del cantiere

Lodo Arbitrale, gennaio 2010

[A] Sull’illegittimità della sospensione lavori disposta per effettuare rilievi archeologici allo scopo di utilizzare i lavori di ripulitura dell’area. [B] Sull'esigenza di introdurre varianti ai lavori non necessitate da cause obiettivamente imprevedibili all'epoca della progettazione. [C] In presenza di una sospensione lavori illegittima ma in mancanza di prova, nulla deve essere riconosciuto all'impresa a titolo di ristoro del lamentato mancato utile derivante dalla perdita di altre occasioni di lavoro. [D] Sulla richiesta di risarcimento danni per immobilizzo in cantiere di attrezzature e mezzi d'opera. [E] Sull’imprescindibile presenza in cantiere di un assistente di cantiere


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it