non di scarsa importanza", ossia idoneo ad integrare i presupposti necessari per la risoluzione del contratto. [C] Sugli accertamenti necessari in caso di contestazione di inadempimenti reciproci e di reciproca domanda di risoluzione del contratto avanzata dalle parti nel giudizio arbitrale. [D] Sugli orientamenti giurisprudenziali dominanti in merito ai criteri di apprezzamento da utilizzare ai fini della valutazione della non scarsa importanza dell'inadempimento. [E] Sulle ipotesi in cui la non scarsa importanza dell'inadempimento deve ritenersi implicita ai fini della valutazione della domanda di risoluzione. [F] Sulle ipotesi in cui l’inadempimento della Stazione Appaltante e dell’Impresa deve essere ritenuto di non scarsa rilevanza ai fini della decisione sulla domanda di risoluzione. [G] Sulla possibilità o meno che l’incompletezza del progetto possa essere qualificata come inadempimento di non scarsa rilevanza. [H] Sulla risarcibilità o meno del mancato guadagno sull’importo dei lavori non eseguiti per effetto della risoluzione del contratto per inadempimento e sulla misura di tale eventuale risarcimento. [I] Sull’effetto retroattivo o meno della risoluzione del contratto pronunciata dal Collegio per inadempimento della Stazione Appaltante e sulle conseguenze in merito al risarcimento dovuto all’Impresa per i lavori eseguiti. [L] Sulla misura del risarcimento dovuto all’Impresa per “spese generali” nel caso di accertato sconvolgimento dei tempi contrattuali per fatti imputabili alla committente e sull’onere della prova. [M] Sulla riconoscibilità o meno del danno derivante all’impresa dalla ritardata consegna del cantiere per la perdita di ulteriori commesse e sull’onere della prova. [N] Sulla riconoscibilità o meno del danno derivante all’Impresa per la ritardata formazione dell'utile in ragione dei ritardi nei pagamenti da parte della Stazione Appaltante. [O] Sulla riconoscibilità o meno all’Impresa del maggior costo del personale derivante dall’anomalo andamento dei lavori e sui problemi in punto di prova. [P] Sull’onere della prova necessario all’Impresa per ottenere il riconoscimento del mancato ammortamento dei macchinari e mezzi d'opera"/> non di scarsa importanza", ossia idoneo ad integrare i presupposti necessari per la risoluzione del contratto. [C] Sugli accertamenti necessari in caso di contestazione di inadempimenti reciproci e di reciproca domanda di risoluzione del contratto avanzata dalle parti nel giudizio arbitrale. [D] Sugli orientamenti giurisprudenziali dominanti in merito ai criteri di apprezzamento da utilizzare ai fini della valutazione della non scarsa importanza dell'inadempimento. [E] Sulle ipotesi in cui la non scarsa importanza dell'inadempimento deve ritenersi implicita ai fini della valutazione della domanda di risoluzione. [F] Sulle ipotesi in cui l’inadempimento della Stazione Appaltante e dell’Impresa deve essere ritenuto di non scarsa rilevanza ai fini della decisione sulla domanda di risoluzione. [G] Sulla possibilità o meno che l’incompletezza del progetto possa essere qualificata come inadempimento di non scarsa rilevanza. [H] Sulla risarcibilità o meno del mancato guadagno sull’importo dei lavori non eseguiti per effetto della risoluzione del contratto per inadempimento e sulla misura di tale eventuale risarcimento. [I] Sull’effetto retroattivo o meno della risoluzione del contratto pronunciata dal Collegio per inadempimento della Stazione Appaltante e sulle conseguenze in merito al risarcimento dovuto all’Impresa per i lavori eseguiti. [L] Sulla misura del risarcimento dovuto all’Impresa per “spese generali” nel caso di accertato sconvolgimento dei tempi contrattuali per fatti imputabili alla committente e sull’onere della prova. [M] Sulla riconoscibilità o meno del danno derivante all’impresa dalla ritardata consegna del cantiere per la perdita di ulteriori commesse e sull’onere della prova. [N] Sulla riconoscibilità o meno del danno derivante all’Impresa per la ritardata formazione dell'utile in ragione dei ritardi nei pagamenti da parte della Stazione Appaltante. [O] Sulla riconoscibilità o meno all’Impresa del maggior costo del personale derivante dall’anomalo andamento dei lavori e sui problemi in punto di prova. [P] Sull’onere della prova necessario all’Impresa per ottenere il riconoscimento del mancato ammortamento dei macchinari e mezzi d'opera"/>
Embed RSS

LOGIN ABBONATI

 

ACCESSO DI PROVA PER 24 ORE

 
 
 

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it